Segnalazione cattivo pagatore: dopo quanto si cancella?

Segnalati come cattivi pagatori? Scopri come cancellare la segnalazione, i tempi di attesa e i consigli per evitare di essere segnalati!

a cura di Pubblicato il 09 Apr 2024Aggiornato il 01 Mag 2024 di lettura

Hai mai avuto paura di essere segnalato come cattivo pagatore?

Sai cosa significa e quali possono essere le conseguenze?

In questo articolo, scoprirai tutto quello che devi sapere su come evitare di essere segnalato come cattivo pagatore e su come cancellare la segnalazione se sei già stato inserito nella lista nera.

Ti forniremo consigli pratici e informazioni utili per gestire i tuoi debiti in modo responsabile e proteggere la tua salute finanziaria.

Che tu sia un giovane alle prime armi con la gestione del credito o un adulto che sta affrontando un momento difficile, questo articolo è per te.

Inizia a leggere e scopri come evitare di essere travolto dai debiti e come costruire un futuro finanziario solido.

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere consigli finanziari gratuiti!

disegno di una figura maschile che tenta di cancellare la banca dati creditizia con uno straccio e uno spruzzino.
Non serve straccio e spruzzino per cancellare una segnalazione come cattivo pagatore dali Sistemi di Informazioni Creditizie. Leggi l’articolo per scoprire come fare.

Composizione del debito medio italiano

grafico a torta che mostra la composizione percentuale del debito medio italiano
Il grafico mostra la composizione del debito medio italiano. Come si può vedere, la maggior parte del debito è rappresentato dai mutui casa, seguiti dai prestiti personali, dalle carte di credito e da altri tipi di debiti.
Tipologia del DebitoPercentuale di incidenza sul debito
Mutuo casa50%
Prestito personale20%
Carta di credito15%
Altri debiti15%
Fonti:
Banca d’Italia – Le segnalazioni dei crediti deteriorati
CRIF – Rapporto annuale sul mercato del credito
Scopri di più →

Andamento dei Tassi di Interesse negli anni

grafico a linee 3D sull'andamento dei tassi di interesse BCE e del tasso di interesse Euribor a 3 mesi dal 2000 al 2024
In questo grafico possiamo notare immediatamente come, dopo qualche anno di relativa tranquillità sul fronte tassi di interesse, questi abbiano rispreso a salire repentinamente fino al picco di questo periodo.
AnnoTasso di interesse BCE (%)Tasso di interesse Euribor 3 mesi (%)
20004.754.43
20013.753.29
20023.252.84
20032.001.59
20042.001.92
20052.002.25
20063.003.25
20074.004.35
20084.254.75
20091.001.25
20101.001.25
20111.001.25
20120.750.75
20130.500.50
20140.050.05
20150.000.00
20160.000.00
20170.000.00
20180.000.00
20190.00-0.05
20200.00-0.50
20210.00-0.50
20220.50-0.25
20231.500.25
20244.503.00
Fonti dati
Banca d’Italia – Bollettino Statistico
Eurostat – Database
Leggi anche →

Tempi di cancellazione

Scopri nel dettaglio cosa significa essere segnalati come cattivo pagatore e dopo quanto tempo viene cancellata la segnalazione.

La permanenza di una segnalazione nei Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC) è strettamente legata alla gravità dello stato di inadempienza. Da una rata di prestito dimenticata a situazioni di insolvenza più gravi, il periodo di permanenza varia significativamente.

  • Ritardi "leggeri" nei pagamenti: ad esempio, un ritardo nel pagamento di una rata di prestito inferiore a 90 giorni può portare a una segnalazione che, solitamente, viene rimossa automaticamente dopo 12 mesi dalla regolarizzazione della posizione, ossia dal pagamento della rata arretrata.
  • Inadempienze gravi: per segnalazioni legate a ritardi superiori ai 90 giorni o a mancati pagamenti prolungati, il nome rimane nei registri per un periodo ben più lungo, generalmente 36 mesi (3 anni) dalla data della regolarizzazione.
  • Situazioni particolari: a seconda della situazione specifica, ci possono essere variazioni. Ad esempio, in caso di contestazioni legalmente riconosciute (come nel caso del pignoramento del conto corrente) o di particolari accordi con il creditore, i tempi di cancellazione possono subire delle modifiche e si può anche arrivare a segnalazioni che permangono fino a 5 anni (60 mesi) dalla data di scadenza del rapporto.

Esempi concreti

Per facilitare la comprensione:

  • Mario dimentica di pagare due rate del suo finanziamento veicolo e regolarizza il suo debito dopo 45 giorni dalla scadenza della seconda rata. La sua segnalazione sarà cancellata dopo 12 mesi dalla data di regolarizzazione.
  • Elisa, invece, a causa di gravi difficoltà finanziarie, smette di pagare le rate di un prestito personale per oltre 120 giorni. Dopo aver trovato una soluzione con la banca e regolarizzato il debito, la sua segnalazione rimarrà visibile per 36 mesi dalla data di regolarizzazione.

È essenziale tenere presente che una volta cancellate, le segnalazioni non saranno più visibili alle banche o ad altri enti finanziari, migliorando quindi la possibilità di accedere a futuri finanziamenti.

Riassumendo, la durata della permanenza delle informazioni relative ai cattivi pagatori nel database CRIF varia a seconda della gravità della morosità:

  • 12 mesi: per ritardi di una o due rate, con successivo saldo del debito.
  • 24 mesi: in caso di mancato pagamento di 3 o più rate.
  • 36 mesi: per morosità gravi con debiti non saldati alla scadenza del contratto.
Scopri di più →

Cosa fare per cancellare la segnalazione

Una volta che la situazione finanziaria che ha portato alla segnalazione è stata regolarizzata o risolta, è possibile avviare la procedura di cancellazione della segnalazione dai sistemi di informazioni creditizie (SIC), come CRIF. Ecco i passi da seguire:

  1. Verifica della Segnalazione: In primo luogo, è essenziale verificare la propria posizione nei database CRIF o di altri SIC. È possibile farlo richiedendo un report gratuito una volta all’anno tramite il sito CRIF.
  2. Regolarizzazione del Debito: Assicurati che il debito o la situazione che ha causato la segnalazione sia completamente risolta. Questo include il pagamento di qualsiasi rata arretrata o l’adempimento di accordi specifici con il creditore.
  3. Richiesta di Cancellazione: Dopo aver regolarizzato il debito, è necessario inviare una richiesta formale di cancellazione della segnalazione al gestore del SIC. Generalmente, si deve compilare un modulo di richiesta di cancellazione, disponibile sui siti ufficiali (ad esempio, CRIF). La richiesta deve essere accompagnata dalla documentazione che attesta la regolarizzazione della posizione.
  4. Monitoraggio della Situazione: Dopo aver inoltrato la richiesta, è importante monitorare periodicamente la propria situazione creditizia per assicurarsi che la segnalazione sia effettivamente cancellata entro i termini previsti. Questo può essere fatto richiedendo report periodici.
  5. Contatto diretto in caso di anomalie: Se, dopo il periodo previsto, la segnalazione dovesse rimanere visibile, sarà necessario contattare direttamente il SIC per segnalare l’anomalia e richiedere un’ulteriore verifica.

È importante ricordare che, in caso di difficoltà o dubbi, è possibile rivolgersi a consulenti esperti in materia creditizia o ad associazioni dei consumatori che possono offrire assistenza e supporto nel processo di cancellazione della segnalazione.

Scopri di più →

Consigli per evitare di essere segnalati come cattivi pagatori

Per evitare la spiacevole situazione di essere segnalati come cattivi pagatori da parte degli istituti di credito, è fondamentale adottare una gestione finanziaria prudente e responsabile. Ecco alcuni consigli pratici da seguire:

  1. Puntualità nei Pagamenti: La regola più importante da rispettare è senza dubbio la puntualità nel pagamento di bollette, mutui, prestiti e rate di finanziamento. È consigliabile impostare dei promemoria o attivare i pagamenti automatici laddove possibile per prevenire dimenticanze o ritardi.
  2. Bilancio Familiare: Mantenere un bilancio familiare aggiornato e dettagliato può aiutare a tenere sotto controllo le entrate e le uscite, evitando di incorrere in spese che superano le proprie capacità economiche. È essenziale essere realistici riguardo ai propri limiti finanziari.
  3. Valutazione Attenta dei Prestiti: Prima di sottoscrivere un prestito o un finanziamento, è fondamentale richiedere preventivi da più istituti di credito e valutare attentamente le condizioni offerte. Considera non solo il tasso di interesse, ma anche la durata dell’impegno finanziario e l’impatto delle rate sul bilancio familiare.
  4. Fondo di Emergenza: Accumulare un fondo di emergenza può salvarti in momenti di difficoltà finanziaria, evitando di ricorrere a prestiti per coprire spese impreviste. Idealmente, questo fondo dovrebbe coprire da tre a sei mesi di spese ordinarie.
  5. Comunicazione con i Creditori: In caso di difficoltà temporanee nel pagamento delle rate, è vitale comunicare proattivamente con i propri creditori per cercare soluzioni alternative o rinegoziare i termini di pagamento. Ignorare il problema o sperare che si risolva da solo può solo aggravare la situazione.

Adottare questi comportamenti responsabili può non solo prevenire la segnalazione come cattivo pagatore, ma anche contribuire a costruire un profilo creditizio solido, utile in caso di future necessità finanziarie.

Ricordiamo che, in caso di segnalazioni come cattivo pagatore nei Sistemi di Informazioni Creditizie, è sempre possibile, in caso di necessità, avvalersi di finanziamenti senza controllo CRIF.

Con un po’ di impegno e attenzione, è possibile mantenere una buona salute finanziaria e costruire un futuro solido.

Scopri di più →

Riassumendo

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate con un laptop sulle gambe che fa un riassunto di tutto quello che si è scritto finora

Essere segnalati come cattivi pagatori può avere un impatto negativo sulla propria vita finanziaria.

I tempi di cancellazione dipendono dalla gravità della segnalazione e possono variare da 12 a 36 mesi, in alcuni casi arrivare anche a 60 mesi.

Per cancellare la segnalazione è necessario estinguere il debito e richiedere la cancellazione alla banca dati di CRIF o in qualsiasi altro SIC in cui è presente la segnalazione.

Conclusioni

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate che regge un laptop con scritto dietro allo schermo Conclusioni

In questo articolo, abbiamo esplorato alcuni principi fondamentali per una gestione responsabile dei propri debiti, inclusa l’importanza di automatizzare i pagamenti, mantenere un bilancio familiare realistico, valutare attentamente condizioni e termini dei prestiti, creare un fondo di emergenza e, non da ultimo, mantenere una comunicazione aperta con i creditori in caso di difficoltà.

Questi passaggi sono essenziali non solo per prevenire la segnalazione come cattivo pagatore ma anche per contribuire a costruire un solido profilo creditizio, fondamentale in situazioni di necessità finanziaria.

L’adozione di abitudini di spesa responsabili e l’attenta pianificazione finanziaria possono fare la differenza per garantire una salute economica a lungo termine.

Invitiamo i nostri lettori a riconoscere l’importanza di una gestione responsabile dei debiti e ad approfondire l’argomento consultando fonti affidabili, al fine di arricchire ulteriormente le loro conoscenze finanziarie.

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere consigli finanziari gratuiti!

Domande frequenti

disegno di un ragazzo seduto con nuvolette di testo con dentro la parola FAQ
Cosa significa essere segnalati come cattivi pagatori?

Essere segnalati come cattivi pagatori significa che il proprio nominativo è stato inserito in un database di persone che hanno avuto problemi con il pagamento di debiti.

Quali sono le conseguenze di essere segnalati come cattivi pagatori?

Le conseguenze possono essere diverse, tra cui:
Difficoltà a ottenere un finanziamento o un mutuo.
Aumento del costo del credito.
Rifiuto di stipulare un contratto di locazione.

Dopo quanto tempo si viene cancellati dalla lista dei cattivi pagatori?

I tempi di cancellazione dipendono dalla gravità della segnalazione e possono variare da 12 a 36 mesi, o arrivare fino a 60 mesi nei casi più gravi.

Cosa fare per cancellare la segnalazione?

Per cancellare la segnalazione è necessario:
Estinguere il debito.
Richiedere la cancellazione alla CRIF o al SIC.

Come posso evitare di essere segnalato come cattivo pagatore?

Ecco alcuni consigli:
Paga le tue bollette e le rate dei finanziamenti in modo puntuale.
In caso di difficoltà economiche, contatta il creditore per trovare una soluzione.
Richiedi un preventivo prima di sottoscrivere un finanziamento.

Dove posso trovare maggiori informazioni?

Puoi trovare maggiori informazioni sui siti web di:
CRIF: https://www.crif.it/
Banca d’Italia: https://www.bancaditalia.it/

Cosa fare se ho già estinto il debito ma sono ancora segnalato come cattivo pagatore?

In questo caso, è necessario contattare la CRIF o il SIC e richiedere la cancellazione della segnalazione.

Ho ricevuto una lettera di segnalazione come cattivo pagatore, ma non ho mai avuto debiti. Cosa devo fare?

In questo caso, è necessario contattare il creditore che ha inviato la segnalazione e contestare la sua correttezza.

Posso richiedere un finanziamento se sono segnalato come cattivo pagatore?

Sì, è possibile richiedere un finanziamento anche se si è segnalati come cattivi pagatori, ma è probabile che la richiesta venga respinta o che vengano applicate condizioni meno favorevoli.

Quanto tempo ci vuole per ottenere la cancellazione della segnalazione?

I tempi di cancellazione possono variare da alcune settimane a diversi mesi.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca su una stella per votarlo!

Hai scelto di negare il consenso ai cookie

I Cookie non sono mostri che si nascondono sotto il letto! 👻 Non ti rubano niente! Anzi, sono piccoli aiutanti che migliorano la tua navigazione. Accettando i cookie potrai aiutarci a mantenere liberi e imparziali i contenuti offerti sul nostro sito. La pubblicità mirata è un modo per fornirti informazioni di qualità. Nessun dato personale come le generalità anagrafiche è contenuto nei cookie.

–– OPPURE ––