Come bloccare un pagamento automatico sulla carta di credito

Scopri come bloccare un pagamento automatico in modo facile e veloce. Segui i nostri consigli per evitare addebiti indesiderati!

a cura di Pubblicato il 22 Mar 2024Aggiornato il 27 Apr 2024 di lettura

Hai sottoscritto un abbonamento che non usi più? Scopri come bloccare i pagamenti automatici sulla tua carta di credito in modo facile e sicuro. In questo post, ti guideremo passo dopo passo attraverso due metodi efficaci: contattare direttamente il fornitore del servizio o bloccare l’addebito tramite la tua banca. Inoltre, approfondiremo diverse opzioni alternative e ti forniremo consigli utili per evitare problemi e contestare addebiti non autorizzati e proteggere la tua carta di credito e i tuoi dati personali. Sia che tu preferisca un metodo rapido o uno più sicuro, questo post ti fornirà tutte le informazioni necessarie per bloccare i pagamenti automatici indesiderati e risparmiare denaro. Non perdere tempo: inizia a leggere subito!

Richiedi un preventivo gratuito!

ragazza carina davanti al suo laptop con la carta di credito in mano intenta a capire come bloccare un pagamento automatico sulla carta di credito
Talvolta le procedure per annullare i pagamenti automatici sono volontariamente resi complicati e poco rispettosi della volontà del consumatore.

Metodi per bloccare un pagamento automatico

Enunciati in breve i due metodi principali per bloccare un pagamento automatico sulla carta di credito.

Esistono due metodi principali per bloccare un pagamento automatico (abbonamento) sulla carta di credito:

  1. Contattare il fornitore del servizio
    • Metodo più sicuro: Questo è il metodo più sicuro e definitivo per bloccare un pagamento automatico.
    • Ricerca i dettagli di contatto: Trova i dettagli di contatto del fornitore del servizio sul sito web, sull’estratto conto della carta di credito o sulla fattura dell’abbonamento.
    • Contatta il servizio clienti: Contatta il servizio clienti del fornitore del servizio tramite telefono, email o chat online.
    • Richiedi la disdetta: Comunica la tua volontà di disdire l’abbonamento e di bloccare i pagamenti automatici. Assicurati di ottenere una conferma scritta della disdetta.
  2. Contattare la banca emittente della carta
    • Metodo più rapido: Questo metodo può essere più rapido, ma non è sempre definitivo.
    • Ricerca i dettagli di contatto: Trova i dettagli di contatto della tua banca sul sito web, sull’estratto conto della carta di credito o sulla carta stessa.
    • Contatta il servizio clienti: Contatta il servizio clienti della tua banca tramite telefono, email o chat online.
    • Blocca l’addebito: Richiedi di bloccare l’addebito ricorrente sulla tua carta di credito per il fornitore del servizio specifico. Assicurati di specificare il nome del fornitore e l’importo dell’addebito.

Informazioni aggiuntive

  • Tempistiche: Il tempo necessario per bloccare un pagamento automatico può variare a seconda del fornitore del servizio e della banca.
  • Rimborsi: A seconda dei termini e condizioni del tuo abbonamento, potresti avere diritto a un rimborso per i pagamenti automatici già effettuati.
  • Alternative: In alcuni casi, potresti essere in grado di modificare le impostazioni del tuo abbonamento online per disattivare i pagamenti automatici.

Consigli

  • Prima di bloccare un pagamento automatico: Assicurati di aver verificato i termini e le condizioni del tuo abbonamento per evitare eventuali penali.
  • Conserva la documentazione: Conserva le ricevute, le email e le chat relative alla disdetta dell’abbonamento e al blocco dei pagamenti automatici.
  • Monitora la tua carta di credito: Controlla regolarmente gli estratti conto della tua carta di credito per assicurarti che non ci siano addebiti automatici non autorizzati.

In caso di dubbi o difficoltà, puoi contattare il servizio clienti della tua banca o il fornitore del servizio per ricevere assistenza.

Leggi anche →

Approfondimenti sul blocco dei pagamenti automatici

Oltre ai due metodi principali già descritti, esistono alcuni altri aspetti da considerare quando si desidera bloccare un pagamento automatico sulla carta di credito:

Tipi di pagamenti automatici

  • Addebiti ricorrenti: Si tratta di pagamenti regolari di importo fisso, come abbonamenti a servizi telefonici, pay TV, software o palestre.
  • Preautorizzazioni: Sono addebiti di importo variabile, autorizzati in anticipo dal titolare della carta per un periodo di tempo determinato, come ad esempio le bollette di energia elettrica o gas.

Procedure di blocco specifiche

  • Portale online del fornitore: Alcune società offrono la possibilità di gestire i propri abbonamenti e disattivare i pagamenti automatici direttamente tramite il loro portale online.
  • Applicazione mobile: Alcune banche o fornitori di servizi mettono a disposizione un’app mobile che permette di gestire i pagamenti automatici e di bloccarli con un semplice click.
  • Lettera raccomandata: In alcuni casi, potrebbe essere necessario inviare una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno al fornitore del servizio per disdire l’abbonamento e bloccare i pagamenti automatici.

Problemi e soluzioni

  • Difficoltà nel contattare il fornitore: In alcuni casi, potrebbe essere difficile contattare il servizio clienti del fornitore del servizio per disdire l’abbonamento. In questo caso, si può provare a inviare un’email o una lettera raccomandata.
  • Mancata conferma di disdetta: È importante ottenere sempre una conferma scritta della disdetta dell’abbonamento e del blocco dei pagamenti automatici.
  • Addebiti successivi alla disdetta: In alcuni casi, potrebbero verificarsi addebiti automatici anche dopo la disdetta dell’abbonamento. In questo caso, è necessario contestare l’addebito con la propria banca.

Consigli per la sicurezza

Ecco elencati di seguito alcuni consigli utili per salvaguardare la sicurezza della vostra carta di credito:

  • Non condividere il PAN (Primary Account Number) della carta di credito online o con persone non fidate.
  • Utilizzare una carta di credito prepagata per gli abbonamenti online.
  • Controllare regolarmente gli estratti conto della carta di credito per identificare eventuali addebiti automatici non autorizzati.
  • Attivare un servizio di alert per ricevere notifiche in caso di addebiti sulla carta di credito.

In caso di dubbi o difficoltà, è consigliabile contattare il servizio clienti della propria banca o il fornitore del servizio per ricevere assistenza.

Inoltre, è possibile trovare informazioni utili e supporto online sui siti web di associazioni di consumatori o di enti a tutela dei diritti degli utenti.

Leggi anche →

Fornitori di servizi con addebiti automatici

mix di loghi e immagini di fornitori di servizi che potrebbero utilizzare i pagamenti automatici
Nel mondo moderno utilizziamo moltissimi servizi che richiedono dei pagamenti automatici periodici.

Di seguito un elenco non esaustivo di servizi che potrebbero avere addebiti automatici suddivisi per categoria. Ricordiamo che esistono molti altri fornitori di servizi che potrebbero avere addebiti automatici.

  1. Servizi di streaming
    • Netflix
    • Spotify
    • Disney+
    • Amazon Prime Video
    • Apple TV+
    • NOW TV
    • Sky
  2. Abbonamenti telefonici e internet
    • TIM
    • Vodafone
    • WindTre
    • Iliad
    • Fastweb
    • Sky Italia
  3. Utility
    • Enel
    • Eni
    • Hera
    • A2A
    • Acea
    • Iren
  4. Assicurazioni
    • Generali
    • UnipolSai
    • Allianz
    • Cattolica
    • Genertel
    • Linear
  5. Palestre e centri benessere
    • Virgin Active
    • McFit
    • Curves
    • Anytime Fitness
    • MyWellness
  6. Altri servizi
    • PayPal
    • Google One
    • Dropbox
    • Microsoft 365
    • Adobe Creative Cloud
    • Amazon Prime
  7. Abbonamenti a riviste e giornali
    • Corriere della Sera
    • La Repubblica
    • La Stampa
    • Il Sole 24 Ore
    • Panorama
    • Focus
  8. Associazioni e club
    • Touring Club Italiano
    • Legambiente
    • WWF Italia
    • ACI
    • Federconsumatori
    • Altroconsumo
  9. Trasporti
    • Trenitalia
    • Italo
    • FlixBus
    • Uber
    • Lyft
    • MyTaxi
  10. Servizi di consegna a domicilio
    • Deliveroo
    • Just Eat
    • Glovo
    • Uber Eats
    • Foodora
    • Amazon Fresh

Se hai dubbi su un addebito automatico sulla tua carta di credito, puoi contattare la tua banca o l’emittente della tua carta di credito per chiedere informazioni.

Leggi anche →

Diritti dei consumatori in materia di abbonamenti e pagamenti automatici

martelletto da giudice sopra un libro di diritto del consumatore e un bilancino a simboleggiare la giustizia
Per fortuna le associazioni a tutela dei consumatori e il sistema giuridico sono dalla parte degli utenti.

In Italia, i consumatori sono tutelati da diverse normative in materia di abbonamenti e pagamenti automatici:

1. Codice del Consumo

  • Il Codice del Consumo (D.lgs. n. 206/2005) disciplina i diritti dei consumatori in materia di contratti a distanza e di fuori dei locali commerciali.
  • In particolare, il Codice del Consumo prevede il diritto di recesso per i contratti a distanza, entro 14 giorni dalla sottoscrizione del contratto.
  • Il diritto di recesso si applica anche ai contratti di abbonamento con addebito automatico.

2. Direttiva Europea sui diritti dei consumatori:

  • La Direttiva Europea sui diritti dei consumatori (Direttiva 2011/83/UE) è stata recepita nel Codice del Consumo italiano.
  • La Direttiva Europea prevede diverse disposizioni a tutela dei consumatori, tra cui:
    • L’obbligo per i fornitori di fornire informazioni chiare e complete sui contratti di abbonamento;
    • Il divieto di addebiti automatici non autorizzati;
    • Il diritto di recesso per i contratti a distanza.

3. Regolamento Europeo sui pagamenti online:

  • Il Regolamento Europeo sui pagamenti online (PSD2) è entrato in vigore nel 2018.
  • Il PSD2 introduce nuove regole per i pagamenti online, tra cui:
    • L’autenticazione forte del cliente (SCA) per i pagamenti online;
    • Il diritto di rimborso per i pagamenti non autorizzati.

Siti web di enti a tutela dei consumatori

In caso di problemi con un abbonamento o un pagamento automatico, i consumatori possono contattare le associazioni a tutela dei consumatori o l’Antitrust.

Per informazioni specifiche sui diritti dei consumatori in materia di abbonamenti e pagamenti automatici, è consigliabile consultare le pagine web di enti governativi o di associazioni di consumatori del proprio paese.

Inoltre, è importante leggere attentamente i termini e le condizioni di qualsiasi contratto di abbonamento prima di sottoscriverlo.

Potrebbe interessarti →

Come contestare un addebito non autorizzato e ottenere un rimborso

uomo arrabbiato per un addebito automatico sulla carta di credito non autorizzato
Spesso, anche dopo aver richiesto la disdetta di un servizio, gli addebiti continuano ad arrivare. Bisogna perciò prestare la massima attenzione agli estratti conto della carta di credito.

Se hai notato un addebito non autorizzato sulla tua carta di credito, puoi contestarlo e ottenere un rimborso dalla tua banca o dal fornitore del servizio.

Ecco i passi da seguire:

Contatta la tua banca o l’emittente della tua carta di credito

  • La prima cosa da fare è contattare la tua banca o l’emittente della tua carta di credito per segnalare l’addebito non autorizzato.
  • Fornisci alla banca o all’emittente della carta di credito tutte le informazioni necessarie sull’addebito, come l’importo, la data e il nome del fornitore del servizio.
  • La banca o l’emittente della carta di credito avvierà un’indagine sull’addebito.

Contatta il fornitore del servizio

  • Puoi anche contattare il fornitore del servizio per contestare l’addebito.
  • Fornisci al fornitore del servizio tutte le informazioni necessarie sull’addebito, come l’importo, la data e il numero di riferimento della transazione.
  • Il fornitore del servizio potrebbe essere in grado di annullare l’addebito e rimborsarti il denaro.

Segui le istruzioni della tua banca o dell’emittente della tua carta di credito

  • La tua banca o l’emittente della tua carta di credito potrebbero darti istruzioni specifiche su come contestare l’addebito.
  • È importante seguire queste istruzioni per ottenere un rimborso.

Invia un reclamo formale

  • Se non sei soddisfatto della risposta della tua banca o del fornitore del servizio, puoi inviare un reclamo formale.
  • Il reclamo formale deve essere scritto e deve includere tutte le informazioni necessarie sull’addebito.
  • La tua banca o il fornitore del servizio dovranno rispondere al tuo reclamo entro un certo periodo di tempo.

Rivolgiti a un organismo di risoluzione delle controversie

  • Se non riesci a ottenere un rimborso dalla tua banca o dal fornitore del servizio, puoi rivolgerti a un organismo di risoluzione delle controversie.
  • In Italia, esistono diversi organismi di risoluzione delle controversie, come l’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) e il Conciliatore Bancario.

Consigli per contestare un addebito non autorizzato

  • Agisci rapidamente. È importante contestare l’addebito non autorizzato il prima possibile.
  • Raccogli le prove. Raccogli tutte le prove che hai a disposizione, come l’estratto conto della tua carta di credito o la ricevuta dell’addebito.
  • Sii chiaro e conciso. Quando contesti l’addebito, sii chiaro e conciso nella tua spiegazione.
  • Sii paziente. Potrebbero essere necessari alcuni giorni o settimane per ottenere un rimborso.

È importante ricordare che le leggi e le normative sui pagamenti automatici possono variare a seconda del paese di residenza.

Potrebbe interessarti →

Riassumendo

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate con un laptop sulle gambe che fa un riassunto di tutto quello che si è scritto finora

Per bloccare un pagamento automatico puoi contattare il fornitore del servizio o bloccare l’addebito tramite la tua banca.

In alternativa e per non incorrere in sorprese puoi gestire gli abbonamenti online e utilizzare carte prepagate.

È buona abitudine controllare sempre gli estratti conto della carta di credito e attivare un servizio di alert per addebiti senza esitare a contattare il servizio clienti per assistenza.

Conclusioni

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate che regge un laptop con scritto dietro allo schermo Conclusioni

In questo post, abbiamo esplorato due metodi efficaci per bloccare i pagamenti automatici (abbonamenti) sulla carta di credito:

  • Contattare il fornitore del servizio: un metodo sicuro per disattivare l’abbonamento alla fonte e ottenere un rimborso (se previsto).
  • Bloccare l’addebito tramite la tua banca: una soluzione rapida per interrompere i pagamenti futuri, ma che richiede la specifica dell’addebito da bloccare.

Oltre a questi metodi

  • Abbiamo esaminato diverse opzioni alternative, come la gestione online degli abbonamenti o l’utilizzo di carte prepagate.
  • Ti abbiamo fornito consigli utili per evitare problemi, contestare addebiti non autorizzati e proteggere la tua carta di credito.

Ricorda

  • Controlla regolarmente gli estratti conto della tua carta di credito per identificare eventuali addebiti automatici non autorizzati.
  • Attiva un servizio di alert per ricevere notifiche in caso di addebiti sulla carta di credito.
  • In caso di dubbi o difficoltà, contatta il servizio clienti della tua banca o il fornitore del servizio per ricevere assistenza.

Con un po’ di attenzione e consapevolezza, puoi facilmente gestire i tuoi pagamenti automatici e risparmiare denaro.

Grazie per aver letto questo post!

Se hai trovato queste informazioni utili, condividile con i tuoi amici e familiari.

Insieme, possiamo aumentare la consapevolezza su questo tema e aiutare le persone a prendere il controllo dei propri pagamenti automatici.

Spero di aver contribuito a risolvere il tuo problema!

Richiedi un preventivo gratuito!

Domande frequenti

disegno di un ragazzo seduto con nuvolette di testo con dentro la parola FAQ
Qual è il modo migliore per bloccare un pagamento automatico?

ipende dalla tua situazione. Se hai un buon rapporto con il fornitore del servizio, puoi provare a contattarlo direttamente per disattivare l’abbonamento e ottenere un rimborso. Se invece hai avuto problemi con il fornitore o preferisci una soluzione più rapida, puoi bloccare l’addebito tramite la tua banca.

Come posso bloccare un pagamento automatico tramite la mia banca?

Contatta il servizio clienti della tua banca e fornisci loro i dettagli dell’addebito che vuoi bloccare, come il nome del fornitore del servizio, l’importo dell’addebito e la data di scadenza. La tua banca potrebbe addebitarti una commissione per questo servizio.

Cosa devo fare se ho già pagato un abbonamento che non voglio più?

Puoi provare a contestare l’addebito con la tua banca o con il fornitore del servizio. Se hai disattivato l’abbonamento in tempo, potresti avere diritto a un rimborso.

Come posso evitare di sottoscrivere abbonamenti indesiderati?

Fai attenzione quando fornisci i tuoi dati di pagamento online. Leggi sempre i termini e le condizioni prima di sottoscrivere un abbonamento. Se non sei sicuro, usa una carta di credito prepagata per gli abbonamenti online.

Cosa devo fare se ho perso la mia carta di credito o se mi è stata rubata?

Contatta immediatamente la tua banca per bloccare la carta e denunciare il furto o lo smarrimento. In questo modo, eviterai addebiti automatici non autorizzati.

Dove posso trovare maggiori informazioni su come bloccare i pagamenti automatici?

Puoi trovare informazioni utili sui siti web di associazioni di consumatori o di enti a tutela dei diritti degli utenti.

Cosa devo fare se il fornitore del servizio si rifiuta di disattivare l’abbonamento?

Se il fornitore del servizio si rifiuta di disattivare l’abbonamento, puoi provare diverse soluzioni:

Contestare l’addebito:
Contatta la tua banca e contesta l’addebito automatico. La tua banca potrebbe essere in grado di annullare l’addebito e rimborsarti il denaro.
Fornisci alla tua banca tutte le informazioni necessarie, come la prova che hai disattivato l’abbonamento e la prova che il fornitore del servizio si è rifiutato di annullarlo.

Segnalare il fornitore del servizio:
Se il fornitore del servizio si rifiuta di annullare l’abbonamento e non hai avuto successo con la tua banca, puoi segnalare il fornitore del servizio a un’autorità competente.
In Italia, puoi segnalare il fornitore del servizio all’Antitrust o al Codacons.

Ricercare i diritti dei consumatori:
Assicurati di conoscere i tuoi diritti come consumatore.
In Italia, hai il diritto di recedere da un contratto di abbonamento entro 14 giorni dalla sottoscrizione.
Hai anche il diritto di ricevere un rimborso se il fornitore del servizio non ha rispettato i termini del contratto.

Intraprendere un’azione legale:
Se hai esaurito tutte le altre opzioni, puoi intraprendere un’azione legale contro il fornitore del servizio.
Tuttavia, questa opzione potrebbe essere costosa e richiedere molto tempo.

Quanto tempo ci vuole per bloccare un pagamento automatico?

In generale, è consigliabile bloccare un pagamento automatico con almeno 24 ore di anticipo rispetto alla data di scadenza dell’addebito.

Quali sono le commissioni per bloccare un pagamento automatico?

Le commissioni per bloccare un pagamento automatico possono variare a seconda di diversi fattori come la Banca, il tipo di addebito, il metodo di blocco e il paese.

Alcune banche non applicano alcuna commissione per bloccare un pagamento automatico. Altre banche potrebbero addebitare una commissione fissa, che di solito si aggira intorno ai 5 euro. In alcuni casi, la commissione potrebbe essere una percentuale dell’importo dell’addebito da bloccare. Le commissioni per bloccare addebiti ricorrenti (come abbonamenti) sono generalmente più basse rispetto a quelle per bloccare preautorizzazioni (come bollette).

Bloccare un pagamento automatico tramite telefono potrebbe essere più costoso che farlo online o tramite l’app della banca. Le commissioni per bloccare i pagamenti automatici possono variare da paese a paese. Per avere informazioni precise sulle commissioni applicate dalla tua banca, è consigliabile contattare il servizio clienti.

Per evitare di pagare commissioni per bloccare i pagamenti automatici prova a contattare direttamente il fornitore del servizio per disattivare l’abbonamento, utilizza una carta di credito prepagata per gli abbonamenti online, controlla regolarmente gli estratti conto della tua carta di credito per identificare eventuali addebiti automatici non autorizzati e attiva un servizio di alert per ricevere notifiche in caso di addebiti sulla tua carta di credito.

In alcuni casi, potrebbe essere possibile ottenere un rimborso delle commissioni applicate per bloccare un pagamento automatico. Per esempio, se hai bloccato un addebito non autorizzato, potresti avere diritto a un rimborso da parte della tua banca o del fornitore del servizio.

È importante ricordare che le leggi e le normative sui pagamenti automatici possono variare a seconda del paese in cui si risiede. Si consiglia di consultare le pagine web di enti governativi o di associazioni di consumatori per informazioni specifiche relative al proprio paese.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca su una stella per votarlo!

Hai scelto di negare il consenso ai cookie

I Cookie non sono mostri che si nascondono sotto il letto! 👻 Non ti rubano niente! Anzi, sono piccoli aiutanti che migliorano la tua navigazione. Accettando i cookie potrai aiutarci a mantenere liberi e imparziali i contenuti offerti sul nostro sito. La pubblicità mirata è un modo per fornirti informazioni di qualità. Nessun dato personale come le generalità anagrafiche è contenuto nei cookie.

–– OPPURE ––