Stangata Rc auto: a novembre polizze più care del 7,8%

A Novembre 2023 prezzi delle polizze RC Auto in aumento del 7,8%. Scopri come riuscire a risparmiare sul prezzo della tua RC Auto!

a cura di Pubblicato il 05 Gen 2024Aggiornato il 27 Apr 2024 di lettura

Stangata RC Auto! A novembre, le polizze assicurative hanno registrato un aumento del 7,8% rispetto all’anno precedente, con un prezzo medio di 391 euro. L’aumento comporta una spesa maggiore di circa 31 euro per polizza, confermando il trend già notato dall’Ivass a ottobre, quando la maggiorazione era stata del 7,9%. Questo aumento del costo delle polizze sembra sia dovuto a più sinistri, riparazioni auto e tariffe assicurative aggiornate. È importante che i consumatori siano consapevoli di questi incrementi e valutino attentamente le proprie opzioni assicurative per trovare la migliore copertura al prezzo più conveniente.

Richiedi un preventivo gratuito!

auto rossa in strada con albero caduto e transenna
Come rilevato dall’IVASS le assicurazioni RC Auto sono salite del 7,8% nel mese di Novembre 2023.

Aumenta anche il differenziale del premio assicurativo

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate che regge un laptop con scritto dietro allo schermo Conclusioni

Aumentato del 3,1% anche la differenza del costo dell’assicurazione RC Auto tra Napoli e Aosta, raggiungendo i 248 euro, rispetto all’anno scorso. Tale cifra, tuttavia, sale a 285 euro se confrontata con la città più virtuosa, Enna.

Le associazioni dei consumatori criticano gli aumenti ingiustificati delle assicurazioni auto. Secondo queste ultime le maggiorazioni non sono dovute ad un incremento dei costi o degli incidenti stradali, ma alle clausole imposte dalle compagnie assicurative che determinano l’aumento dei prezzi.

Le reazioni

Secondo il Codacons, gli automobilisti dovranno pagare un miliardo di euro in più. In Italia ci sono 43 milioni di veicoli assicurati, di questi 32,5 milioni sono auto.

L’Unione nazionale dei consumatori definisce il rialzo registrato a novembre dall’Ivass come "astronomico, abnorme e ingiustificato". Per trovare un prezzo medio più alto, bisogna risalire fino a novembre 2019, quando era di 402,74 euro.

Nella lista delle assicurazioni più costose, Napoli e Prato sono le prime, con una media di oltre 559 euro, seguite da Caserta (501 euro) e Pistoia (487 euro). Al contrario, Enna vanta le tariffe più basse d’Italia, con una media di 275 euro a polizza, seguita da Oristano (292 euro) e Potenza (297 euro).

Rispetto agli incrementi annuali, Imperia registra il più alto aumento (+12%), seguita da Lodi, Terni e Vercelli (+11%). Gli incrementi più contenuti si registrano ad Ascoli Piceno, con un +4,6%.

La richiesta di interventi è unanime: Assoutenti chiede all’Ivass di fermare le pratiche scorrette e proteggere gli assicurati. Serve una riforma per maggiore concorrenza fra le compagnie e maggiore protezione per gli assicurati.

Il Codacons chiede al governo di limitare il potere delle compagnie assicurative e fermare l’aumento delle tariffe nel settore, perché i cittadini devono poter assicurare i loro veicoli a prezzi sostenibili. Allo stesso tempo, sempre secondo il Codacons, le compagnie assicurative non dovrebbero essere soggette a limiti tariffari.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca su una stella per votarlo!

Hai scelto di negare il consenso ai cookie

I Cookie non sono mostri che si nascondono sotto il letto! 👻 Non ti rubano niente! Anzi, sono piccoli aiutanti che migliorano la tua navigazione. Accettando i cookie potrai aiutarci a mantenere liberi e imparziali i contenuti offerti sul nostro sito. La pubblicità mirata è un modo per fornirti informazioni di qualità. Nessun dato personale come le generalità anagrafiche è contenuto nei cookie.

–– OPPURE ––