Quando si Prende la Tredicesima? Calcolo e Accredito

Quando si prende la tredicesima? Scopri come calcolare l’importo, le date di pagamento e gli aspetti fiscali della tredicesima mensilità.

a cura di Pubblicato il 09 Lug 2024Aggiornato il 09 Lug 2024 di lettura

La tredicesima mensilità, spesso attesa con ansia dai lavoratori dipendenti italiani, rappresenta un’importante integrazione al reddito annuale. Ma quando si prende la tredicesima esattamente? Come viene calcolata e quali sono gli aspetti fiscali da considerare?

Questo articolo completo ti guiderà attraverso tutti gli aspetti della tredicesima, dalla sua definizione e origini storiche,alle modalità di calcolo e alle date di pagamento, fino ai casi particolari e alle domande più frequenti. Che tu sia un lavoratore dipendente, un datore di lavoro o semplicemente curioso di conoscere meglio questo istituto, troverai qui tutte le informazioni necessarie per capire a fondo quando si prende la tredicesima e come funziona.

Scoprirai come la tredicesima viene calcolata in base alla tua retribuzione lorda e ai mesi lavorati, quando aspettarti il pagamento e come questa mensilità aggiuntiva viene tassata. Inoltre, approfondiremo i casi particolari, come la tredicesima per i lavoratori con contratto a tempo determinato, part-time, apprendisti e lavoratori domestici.

Se sei pronto a chiarire ogni dubbio sulla tredicesima, continua a leggere e scopri tutto quello che c’è da sapere su questo importante bonus di fine anno.

Resta sempre aggiornato e ricevi in anteprima Guide e Report!

Calendario con il mese di dicembre evidenziato, periodo in cui viene solitamente pagata la tredicesima mensilità ai lavoratori dipendenti in Italia.
Dicembre: il mese della tredicesima! Scopri quando riceverai la tua gratifica natalizia e come viene calcolata.

Cos’è la Tredicesima Mensilità?

La tredicesima mensilità, spesso chiamata anche gratifica natalizia, è un’attesa mensilità aggiuntiva che molti lavoratori dipendenti italiani ricevono a fine anno. Ma cosa rappresenta esattamente questo bonus e perché viene erogato?

Origini e Scopo della Tredicesima

La tredicesima ha radici storiche che risalgono agli anni ’30, quando fu introdotta per la prima volta in Italia come forma di sostegno al reddito dei lavoratori durante il periodo natalizio. L’obiettivo era quello di fornire un aiuto economico extra per affrontare le spese delle festività e garantire un Natale più sereno alle famiglie.

Nel corso degli anni, la tredicesima si è consolidata come una consuetudine diffusa nel mondo del lavoro italiano,diventando un elemento importante della retribuzione annuale per molti dipendenti.

Obbligatorietà e Previsti Contrattuali

È importante sottolineare che la tredicesima non è un obbligo di legge per tutti i datori di lavoro. Tuttavia, la sua erogazione è spesso prevista dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (CCNL) o da specifici accordi aziendali.

Ciò significa che il diritto alla tredicesima e le modalità di calcolo e pagamento possono variare a seconda del settore lavorativo, della tipologia di contratto e delle specifiche pattuizioni tra datore di lavoro e dipendenti.

Scopri di più →

Come si Calcola la Tredicesima?

Capire come viene calcolata la tredicesima è fondamentale per sapere quanto aspettarsi a fine anno. Il calcolo può sembrare complesso, ma in realtà è abbastanza semplice se si conoscono gli elementi chiave.

Formula Generale di Calcolo

La formula base per calcolare la tredicesima è la seguente:

Tredicesima Lorda = Retribuzione Lorda Annuale / 13

In pratica, si prende la retribuzione lorda annua (cioè lo stipendio lordo di tutto l’anno, compresi eventuali straordinari e bonus) e la si divide per 13. Il risultato è l’importo lordo della tredicesima.

Calcolo per Periodi di Lavoro Inferiori all’Anno

Se non hai lavorato per l’intero anno, la tredicesima viene calcolata in proporzione ai mesi effettivamente lavorati. La formula diventa:

Tredicesima Lorda = (Retribuzione Lorda Mensile * Numero di Mesi Lavorati) / 12

In questo caso, si moltiplica la retribuzione lorda mensile per il numero di mesi lavorati e poi si divide il risultato per 12,ottenendo così la tredicesima lorda spettante.

Esempio Pratico di Calcolo

Facciamo un esempio concreto per chiarire il concetto:

  • Stipendio lordo mensile: 2.000€
  • Mesi lavorati: 8

Per calcolare la tredicesima, applichiamo la formula per periodi inferiori all’anno:

Tredicesima Lorda = (2.000€ * 8 mesi) / 12 = 1.333,33€

In questo caso, la tredicesima lorda ammonterebbe a 1.333,33€.

Leggi anche →

Quando Arriva la Tredicesima?

Una delle domande più frequenti riguardo alla tredicesima è: "Quando arriva?". La risposta dipende da diversi fattori, tra cui il settore lavorativo, il tipo di contratto e le specifiche disposizioni aziendali.

Date Comuni di Accredito

In generale, la maggior parte dei lavoratori dipendenti riceve la tredicesima nel mese di dicembre, spesso in prossimità delle festività natalizie. Questo è il periodo più comune per l’erogazione di questa mensilità aggiuntiva, sia nel settore pubblico che nel settore privato.

Tuttavia, la data precisa può variare. Alcune aziende potrebbero anticipare il pagamento ai primi di dicembre, mentre altre potrebbero posticiparlo fino alla vigilia di Natale o comunque pochi giorni prima del Natale.

Pagamenti in Due Rate

Alcuni contratti collettivi nazionali di lavoro (CCNL) o accordi aziendali prevedono il pagamento della tredicesima in due rate distinte. In questi casi, una prima rata viene solitamente erogata a giugno, mentre la seconda rata viene corrisposta a dicembre.

Questa modalità di pagamento può essere vantaggiosa per i lavoratori, in quanto consente di avere un’entrata extra anche durante l’anno, oltre al periodo natalizio.

Differenze tra Pubblico e Privato

In linea generale, non ci sono differenze sostanziali nelle date di pagamento della tredicesima tra settore pubblico e settore privato. Tuttavia, è possibile che ci siano leggere variazioni a seconda dei singoli contratti e delle specifiche disposizioni delle amministrazioni pubbliche o delle aziende private.

Per conoscere la data esatta di pagamento della propria tredicesima, è sempre consigliabile consultare il proprio CCNL o il contratto di lavoro, oppure rivolgersi all’ufficio del personale o al proprio datore di lavoro.

Leggi anche →

Tassazione e Aspetti Fiscali della Tredicesima

La tredicesima mensilità, sebbene rappresenti un’entrata extra gradita, non è esente da tassazione. Come per le altre mensilità, anche la tredicesima è soggetta a IRPEF e contributi previdenziali, il che significa che l’importo effettivamente ricevuto sarà inferiore a quello lordo.

Tredicesima e IRPEF

L’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) si applica alla tredicesima allo stesso modo in cui si applica alle altre mensilità. L’aliquota IRPEF dipende dal reddito complessivo del lavoratore e può variare a seconda degli scaglioni di reddito previsti dalla legge.

In pratica, la tredicesima viene aggiunta al reddito annuo del lavoratore e l’IRPEF viene calcolata sull’importo totale.Questo può comportare un aumento dell’aliquota IRPEF applicata, soprattutto se la tredicesima fa superare una determinata soglia di reddito.

Contributi Previdenziali

Oltre all’IRPEF, sulla tredicesima vengono applicati anche i contributi previdenziali, che servono a finanziare il sistema pensionistico e altre forme di assistenza sociale.

L’aliquota dei contributi previdenziali varia a seconda della categoria di lavoratore e del fondo pensionistico a cui si è iscritti. In generale, i contributi previdenziali vengono detratti direttamente dalla tredicesima lorda.

Calcolo dell’Importo Netto

Per calcolare l’importo netto della tredicesima, è necessario sottrarre dall’importo lordo sia l’IRPEF che i contributi previdenziali. Il calcolo preciso può essere complesso, poiché dipende da diversi fattori, come il reddito complessivo, le detrazioni fiscali e le aliquote contributive.

Tuttavia, è possibile farsi un’idea approssimativa dell’importo netto utilizzando un simulatore online o consultando il proprio cedolino paga, dove sono indicati gli importi delle trattenute fiscali e previdenziali.

Potrebbe interessarti →

Come Gestire al Meglio la Tredicesima: Consigli Pratici

La tredicesima mensilità rappresenta un’opportunità per realizzare progetti, affrontare spese impreviste o semplicemente concedersi qualche sfizio. Tuttavia, è importante gestirla con oculatezza per evitare di dilapidarla inutilmente. Ecco alcuni consigli pratici per utilizzare al meglio la tua tredicesima:

Pianifica in Anticipo

Prima di ricevere la tredicesima, prenditi del tempo per riflettere su come vorresti utilizzarla. Fai una lista delle tue priorità, che possono includere:

  • Risparmio: metti da parte una parte della tredicesima per creare un fondo di emergenza o per raggiungere i tuoi obiettivi di risparmio a lungo termine.
  • Spese impreviste: utilizza una parte della tredicesima per far fronte a spese impreviste, come riparazioni domestiche o spese mediche.
  • Regali di Natale: se hai intenzione di fare regali di Natale, la tredicesima può essere un’ottima fonte di finanziamento.
  • Viaggi o vacanze: se sogni una vacanza o un viaggio, la tredicesima può aiutarti a realizzare questo desiderio.
  • Acquisti importanti: se hai bisogno di fare un acquisto importante, come un elettrodomestico o un’auto, la tredicesima può essere un contributo significativo.

Evita le Spese Impulsive

La tredicesima può essere allettante e spingere a fare acquisti impulsivi. Cerca di resistere alla tentazione di spendere tutto subito e attieniti al tuo piano di spesa.

Confronta le Offerte

Se hai intenzione di fare acquisti importanti, prenditi il tempo di confrontare le offerte di diversi negozi o fornitori di servizi. In questo modo, potrai trovare i prezzi migliori e risparmiare denaro.

Pensa al Futuro

Non dimenticare di pensare al futuro. Utilizza una parte della tredicesima per investire in te stesso, ad esempio seguendo un corso di formazione o migliorando le tue competenze professionali.

Ulteriori Suggerimenti

  • Paga i debiti: se hai dei debiti in sospeso, la tredicesima può essere un’ottima occasione per estinguerli o ridurli.
  • Fai beneficenza: se vuoi fare del bene, puoi donare una parte della tredicesima a un’organizzazione benefica di tua scelta.
  • Concediti un piccolo sfizio: non dimenticare di premiarti per il tuo duro lavoro. Utilizza una piccola parte della tredicesima per concederti qualcosa che ti piace, come una cena fuori o un regalo per te stesso.
Potrebbe interessarti →

Riassumendo

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate con un laptop sulle gambe che fa un riassunto di tutto quello che si è scritto finora

La tredicesima mensilità, nota anche come gratifica natalizia, è un’importante mensilità aggiuntiva per i lavoratori dipendenti italiani, calcolata in base alla retribuzione lorda e ai mesi lavorati.

Solitamente pagata a dicembre, ma a volte anche in due rate (giugno e dicembre), la tredicesima è soggetta a tassazione IRPEF e contributi previdenziali.

È fondamentale conoscere i propri diritti e le modalità di calcolo per gestire al meglio questa risorsa, pianificando spese, risparmi e investimenti futuri.

Conclusioni

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate che regge un laptop con scritto dietro allo schermo Conclusioni

In sintesi, la tredicesima mensilità rappresenta un elemento significativo nella retribuzione dei lavoratori dipendenti italiani. Nonostante non sia un obbligo di legge universale, la sua presenza è garantita dalla maggior parte dei CCNL e degli accordi aziendali.

Abbiamo visto come il calcolo della tredicesima dipenda dalla retribuzione lorda annua o mensile e dai mesi lavorati,e come la sua erogazione avvenga solitamente a dicembre, ma possa anche essere suddivisa in due rate.

Abbiamo inoltre approfondito gli aspetti fiscali della tredicesima, evidenziando l’applicazione dell’IRPEF e dei contributi previdenziali, e abbiamo chiarito le particolarità relative a diverse categorie di lavoratori, come quelli con contratto a tempo determinato, part-time, apprendisti e lavoratori domestici.

La tredicesima è molto più di un semplice bonus: è un riconoscimento del lavoro svolto durante l’anno e può rappresentare un’importante risorsa per realizzare progetti, far fronte a spese impreviste o semplicemente godersi un periodo di festività più sereno.

Considerazioni finali

Conoscere i propri diritti e le modalità di calcolo e pagamento della tredicesima è fondamentale per pianificare al meglio le proprie finanze e sfruttare appieno questa opportunità. Per qualsiasi dubbio o chiarimento, è sempre consigliabile consultare il proprio CCNL o contratto di lavoro o rivolgersi a un esperto in materia.

La tredicesima è un diritto che va compreso e valorizzato, un piccolo ma significativo contributo alla serenità economica di molti lavoratori e delle loro famiglie.

Resta sempre aggiornato e ricevi in anteprima Guide e Report!

Domande frequenti

disegno di un ragazzo seduto con nuvolette di testo con dentro la parola FAQ
Cos’è la tredicesima?

La tredicesima, o gratifica natalizia, è una mensilità aggiuntiva che molti lavoratori dipendenti ricevono a fine anno.

Chi ha diritto alla tredicesima?

La maggior parte dei lavoratori dipendenti ha diritto alla tredicesima, ma le condizioni specifiche dipendono dal contratto collettivo o dall’accordo aziendale.

Come si calcola la tredicesima?

La tredicesima si calcola dividendo la retribuzione lorda annua per 13, o in proporzione ai mesi lavorati se l’anno non è completo.

Quando viene pagata la tredicesima?

La tredicesima viene solitamente pagata a dicembre, ma alcuni contratti prevedono il pagamento in due rate, una a giugno e una a dicembre.

La tredicesima è tassata?

Sì, la tredicesima è soggetta a tassazione IRPEF e contributi previdenziali come le altre mensilità.

Ho diritto alla tredicesima se ho un contratto a tempo determinato?

Sì, anche i lavoratori con contratto a tempo determinato hanno diritto alla tredicesima, a patto che abbiano lavorato per almeno un mese nell’anno di riferimento. L’importo della tredicesima sarà calcolato in proporzione ai mesi effettivamente lavorati.

Come viene calcolata la tredicesima per i lavoratori part-time?

La tredicesima per i lavoratori part-time viene calcolata in proporzione all’orario di lavoro svolto rispetto a un lavoratore full-time. Ad esempio, un lavoratore part-time al 50% riceverà una tredicesima pari alla metà di quella di un lavoratore full-time con lo stesso stipendio.

Gli apprendisti hanno diritto alla tredicesima mensilità?

Sì, anche gli apprendisti hanno diritto alla tredicesima, ma l’importo viene calcolato in proporzione alla durata del contratto di apprendistato. In genere, la tredicesima degli apprendisti è inferiore a quella dei lavoratori a tempo indeterminato.

Quali sono i requisiti per i lavoratori domestici (colf e badanti) per avere diritto alla tredicesima?

I lavoratori domestici hanno diritto alla tredicesima se hanno lavorato per almeno 15 ore settimanali presso lo stesso datore di lavoro. L’importo della tredicesima viene calcolato in base alle ore lavorate e alla retribuzione oraria.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca su una stella per votarlo!

Hai scelto di negare il consenso ai cookie

I Cookie non sono mostri che si nascondono sotto il letto! 👻 Non ti rubano niente! Anzi, sono piccoli aiutanti che migliorano la tua navigazione. Accettando i cookie potrai aiutarci a mantenere liberi e imparziali i contenuti offerti sul nostro sito. La pubblicità mirata è un modo per fornirti informazioni di qualità. Nessun dato personale come le generalità anagrafiche è contenuto nei cookie.

–– OPPURE ––