Finanziamento Rifiutato: quanto tempo rimane registrato?

Per quanto tempo un finanziamento rifiutato rimane nei sistemi informativi? Impara come un rifiuto può influenzare il tuo credit score.

a cura di Pubblicato il 25 Giu 2024Aggiornato il 25 Giu 2024 di lettura

Ti sei mai chiesto per quanto tempo un finanziamento rifiutato rimane registrato nei sistemi informativi? Un finanziamento rifiutato rimane registrato nei sistemi di informazioni creditizie (SIC) per un periodo di 90 giorni, come ampiamente descritto nel Codice di Condotta per i Sistemi Informativi.

Questa è una domanda importante perché la presenza di un rifiuto recente può influenzare la valutazione del merito creditizio di un individuo e, di conseguenza, la sua capacità di ottenere nuovi finanziamenti o prestiti. Le banche e gli istituti di credito consultano i SIC per valutare l’affidabilità di un potenziale cliente, e un rifiuto recente potrebbe essere interpretato come un segnale di difficoltà finanziarie o di un profilo di rischio elevato.

Resta sempre aggiornato e ricevi in anteprima Guide e Report!

Modulo di richiesta di finanziamento con timbro rosso "RIFIUTATO"
Un finanziamento rifiutato può avere un impatto significativo sulla tua storia creditizia.

Cosa sono i SIC?

I Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC) sono delle banche dati private che raccolgono e gestiscono informazioni sui finanziamenti richiesti e ottenuti da consumatori e imprese. In pratica, fungono da “centrale rischi” dove vengono registrati i dati relativi alla storia creditizia di ciascun individuo da parte degli istituti di credito.

Come funzionano i SIC

  1. Raccolta dati: gli istituti di credito (banche, finanziarie, ecc.) che aderiscono ai SIC trasmettono periodicamente informazioni sui loro clienti, come:
    • Richieste di finanziamento (approvate o rifiutate).
    • Importo e tipologia di finanziamenti in corso.
    • Regolarità dei pagamenti (eventuali ritardi o insolvenze).
    • Chiusura dei finanziamenti.
  2. Consultazione: quando un soggetto richiede un nuovo finanziamento, l’istituto di credito consulta i SIC per valutare la sua affidabilità creditizia e la presenza di eventuali segnalazioni. Le informazioni presenti nei SIC aiutano a determinare se il richiedente è un buon pagatore e se è in grado di sostenere un nuovo impegno finanziario.
  3. Aggiornamento: i dati presenti nei SIC vengono aggiornati regolarmente dagli istituti di credito per riflettere la situazione creditizia più recente di ciascun individuo.

Tipologie di SIC

Esistono diverse tipologie di SIC, tra cui:

  • SIC privati: gestiti da società private (come CRIF, Experian, CTC) e accessibili solo agli istituti di credito aderenti.
  • Centrale Rischi della Banca d’Italia: un sistema pubblico che raccoglie informazioni sui finanziamenti di importo superiore a 30.000 euro.

Importanza dei SIC

I SIC svolgono un ruolo fondamentale nel nuovo sistema informativo creditizio, in quanto:

  • Facilitano l’accesso al credito: permettono agli istituti di credito di valutare rapidamente l’affidabilità dei richiedenti e di concedere finanziamenti in modo più efficiente.
  • Tutelano i consumatori: aiutano a prevenire il sovraindebitamento, poiché gli istituti di credito possono valutare la capacità di rimborso dei richiedenti in base alla loro storia creditizia.
  • Promuovono la concorrenza: consentono ai consumatori di confrontare le offerte di diversi istituti di credito e di scegliere quella più vantaggiosa.

È importante sottolineare che i SIC contengono solo informazioni oggettive sui finanziamenti e non esprimono giudizi di valore sui soggetti. Inoltre, i dati presenti nei SIC sono soggetti a rigide norme sulla privacy e sulla sicurezza.

Scopri di più →

Cosa succede se risulta un finanziamento rifiutato a proprio nome

Avere un finanziamento rifiutato registrato nei SIC può avere diverse implicazioni, soprattutto nel breve periodo:

  1. Difficoltà nell’ottenere nuovi finanziamenti: un rifiuto recente, come un prestito rifiutato, può essere interpretato dagli istituti di credito come un segnale di rischio, rendendo più difficile l’approvazione di nuove richieste di credito. Questo vale soprattutto per le richieste presentate poco tempo dopo il rifiuto, quando l’informazione è ancora “fresca” nei SIC.
  2. Condizioni meno favorevoli: anche se si riesce ad ottenere un nuovo finanziamento, la presenza di un rifiuto recente potrebbe portare a condizioni meno vantaggiose, come tassi di interesse più elevati o importi erogati inferiori. Questo perché l’istituto di credito potrebbe considerare il richiedente come un debitore meno affidabile.
  3. Impatto sulla valutazione del merito creditizio: un rifiuto può influire negativamente sul punteggio di credito, che è un indicatore sintetico della propria affidabilità creditizia. Un punteggio più basso può rendere più difficile l’accesso al credito in futuro.
  4. Richieste di garanzie aggiuntive: in alcuni casi, l’istituto di credito potrebbe richiedere garanzie aggiuntive (come fideiussioni o ipoteche) per concedere un finanziamento a chi ha subito un rifiuto recente.
  5. Limitazioni nell’accesso a determinati prodotti finanziari: alcuni prodotti finanziari, come carte di credito con plafond elevato o prestiti personali a condizioni agevolate, potrebbero essere preclusi a chi ha subito un rifiuto recente.

È importante sottolineare che queste implicazioni sono generalmente temporanee e tendono a diminuire con il passare del tempo. Dopo 90 giorni, il rifiuto viene rimosso dai SIC e non dovrebbe più influenzare la valutazione del merito creditizio. Tuttavia, è consigliabile evitare di accumulare troppi rifiuti in breve tempo, poiché questo potrebbe segnalare una situazione di difficoltà finanziaria e rendere più difficile l’accesso al credito in futuro.

Scopri di più →

Cosa fare dopo un finanziamento rifiutato

Dopo un rifiuto di finanziamento, non bisogna scoraggiarsi. Ci sono diverse azioni che puoi intraprendere per migliorare la tua situazione e aumentare le probabilità di ottenere credito in futuro:

  1. Comprendi i motivi del rifiuto: contatta l’istituto di credito e chiedi spiegazioni dettagliate sui motivi del rifiuto. Potrebbe trattarsi di un reddito insufficiente, un rapporto debito/reddito elevato, una storia creditizia negativa o altri fattori. Conoscere le cause ti aiuterà a capire su cosa lavorare.
  2. Verifica la tua situazione creditizia: richiedi una copia del tuo report creditizio presso i SIC e controlla attentamente se ci sono errori o informazioni inesatte. Se trovi delle inesattezze, segnalale immediatamente per farle correggere.
  3. Migliora il tuo merito creditizio: se il rifiuto è dovuto a una storia creditizia negativa, puoi adottare diverse strategie per migliorarla:
    • Paga puntualmente tutte le bollette e le rate dei finanziamenti in corso.
    • Riduci il tuo debito complessivo.
    • Evita di richiedere troppi finanziamenti in breve tempo.
    • Usa le carte di credito in modo responsabile, pagando il saldo completo ogni mese.
  4. Valuta alternative: se hai bisogno urgente di liquidità, considera altre opzioni come prestiti tra privati, anticipo del TFR o cessione del quinto dello stipendio. Tieni presente che queste soluzioni potrebbero avere costi più elevati rispetto a un finanziamento tradizionale.
  5. Consulta un consulente finanziario: un esperto può aiutarti ad analizzare la tua situazione finanziaria, a pianificare un budget e a individuare le soluzioni di credito più adatte alle tue esigenze.
  6. Aspetta qualche tempo: se il rifiuto è recente, potrebbe essere utile aspettare qualche mese prima di presentare una nuova richiesta di finanziamento. In questo modo, avrai il tempo di migliorare la tua situazione creditizia e di aumentare le probabilità di ottenere un esito positivo.

Ricorda che ottenere un rifiuto non è la fine del mondo. Con un po’ di impegno e pianificazione, a volte puoi migliorare la tua situazione finanziaria e raggiungere i tuoi obiettivi.

Scopri di più →

Riassumendo

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate con un laptop sulle gambe che fa un riassunto di tutto quello che si è scritto finora

Un finanziamento rifiutato rimane registrato nei sistemi di informazioni creditizie (SIC) per 90 giorni, influenzando la valutazione del merito creditizio e le future richieste di credito.

I SIC sono banche dati che raccolgono informazioni sulla storia creditizia delle persone, consultate dagli istituti di credito per valutare l’affidabilità dei richiedenti.

Dopo un rifiuto,è importante capire i motivi, verificare la propria situazione creditizia, migliorare il merito creditizio e considerare l’aiuto di un consulente finanziario per pianificare al meglio le prossime mosse.

Conclusioni

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate che regge un laptop con scritto dietro allo schermo Conclusioni

In conclusione, un finanziamento rifiutato, sebbene possa sembrare un ostacolo temporaneo, ha un impatto concreto sulla propria situazione finanziaria. La registrazione nei SIC per 90 giorni può influire sulla capacità di ottenere nuovi prestiti e sulle condizioni offerte dagli istituti di credito.

Tuttavia, è importante ricordare che questa situazione non è irreversibile. Comprendere i motivi del rifiuto, monitorare e migliorare il proprio merito creditizio, e valutare soluzioni alternative sono passi fondamentali per riprendere il controllo delle proprie finanze e raggiungere i propri obiettivi.

Non scoraggiarti di fronte a un rifiuto: informati, agisci e costruisci un futuro finanziario più solido.

Resta sempre aggiornato e ricevi in anteprima Guide e Report!

Domande frequenti

disegno di un ragazzo seduto con nuvolette di testo con dentro la parola FAQ
Per quanto tempo un rifiuto di finanziamento rimane registrato?

Un rifiuto di finanziamento rimane registrato nei sistemi di informazioni creditizie (SIC) per 90 giorni.

Cosa sono i SIC?

Sono banche dati che raccolgono informazioni sulla storia creditizia delle persone, utilizzate dagli istituti di credito per valutare l’affidabilità dei richiedenti.

Un rifiuto di finanziamento influisce sul mio merito creditizio?

Sì, un rifiuto può abbassare il tuo punteggio di credito, rendendo più difficile ottenere nuovi prestiti.

Cosa posso fare dopo un rifiuto?

Comprendi i motivi del rifiuto, verifica e correggi eventuali errori nel tuo report creditizio, lavora per migliorare il tuo merito creditizio e considera l’aiuto di un consulente finanziario.

Posso cancellare un rifiuto di finanziamento dai SIC?

No, non è possibile cancellare un rifiuto prima dei 90 giorni previsti dalla legge.

Dopo 90 giorni, il rifiuto scompare automaticamente dai SIC?

Sì, dopo il termine dei 90 giorni il rifiuto viene rimosso automaticamente dai SIC e non dovrebbe più influenzare la tua valutazione creditizia.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca su una stella per votarlo!

Hai scelto di negare il consenso ai cookie

I Cookie non sono mostri che si nascondono sotto il letto! 👻 Non ti rubano niente! Anzi, sono piccoli aiutanti che migliorano la tua navigazione. Accettando i cookie potrai aiutarci a mantenere liberi e imparziali i contenuti offerti sul nostro sito. La pubblicità mirata è un modo per fornirti informazioni di qualità. Nessun dato personale come le generalità anagrafiche è contenuto nei cookie.

–– OPPURE ––