Prestito su WhatsApp: cos’è e come evitare le truffe

Conosci le insidie e trova il prestito giusto per te: scopriamo di più sul prestito su WhatsApp. Impariamo ad evitare le truffe!

a cura di Pubblicato il 08 Gen 2024Aggiornato il 07 Lug 2024 di lettura

Il prestito su WhatsApp è una pratica molto delicata e merita un’approfondita spiegazione. Cerchiamo di dissipare i principali dubbi su questa tipologia di prestiti e di aiutarti a evitare truffe o imbrogli. Quando si parla di prestito su WhatsApp ci si riferisce alla pratica di chiedere denaro in prestito attraverso l’applicazione di messaggistica WhatsApp. Questa modalità di richiesta di finanziamento può sembrare conveniente e rapida, ma è fondamentale essere consapevoli dei rischi e delle possibili truffe. I prestiti su WhatsApp possono nascondere facilmente delle truffe ben orchestrate, che sfruttano il bisogno urgente di un prestito veloce, o di un prestito con il tasso di interesse più basso. Impariamo i rischi e a riconoscere le possibili truffe che potenzialmente nascondono questi prestiti. Alla fine della lettura saprai come sfruttare i vantaggi di un prestito su WhatsApp senza correre rischi nel richiederlo.

Richiedi un preventivo gratuito!

logo whatsapp su sfondo verde con segnale di attenzione
Le app di messaggistica come WhatsApp possono nascondere delle insidie. È necessario prestare la massima attenzione quando le utilizziamo.

Chiedere e ottenere un prestito su WhatsApp

Un prestito su WhatsApp è un tipo di finanziamento che viene richiesto attraverso il contatto tramite l’applicazione di messaggistica istantanea WhatsApp. Questo tipo di attività è rietnuta legale in Italia esclusivamente se i prestiti vengono offerti da soggetti o società riconosciute da Banca d’Italia.

Se così non fosse, saremmo di fronte ad un esercizio di mediazione creditizia abusiva da parte di soggetti non autorizzati.

Questi prestiti sono illegali perché chi li offre non ha l’autorizzazione della Banca d’Italia per svolgere attività finanziarie.

Potete consultare l’elenco dei soggetti abilitati all’esercizio dell’attività di mediazione creditizia fornita dall’OAM per essere sicuri di parlare con soggetti abilitati ad operare in Italia.

Se l’interlocutore non è una banca, una finanziaria o un soggetto accreditato presso Banca d’Italia ed iscritto all’OAM, non prestate attenzione alle offerte di prestito che arrivano su WhatsApp.

L’ideale sarebbe segnalare il messaggio di spam ricevuto direttamente tramite l’applicazione di messaggistica.

Rischi

In genere, un prestito su WhatsApp, è offerto da persone che si presentano come finanziatori privati o intermediari finanziari. Promettono di fornire denaro in tempi brevi e con poche formalità, spesso dichiarando di effettuare con prestiti veloci senza richiedere garanzie e controlli approfonditi, o ancora peggio prestiti senza busta paga. Tuttavia, è importante notare che questa pratica può essere rischiosa e potenzialmente illegale, a seconda delle leggi locali e delle autorizzazioni necessarie per offrire servizi finanziari.

Prima di considerare un prestito su WhatsApp, è consigliabile fare una ricerca approfondita sul finanziatore e verificare la sua affidabilità.

È importante prestare attenzione a segnali di allarme come richieste di pagamento anticipato, mancanza di documentazione ufficiale o comunicazione poco chiara. Inoltre, è sempre consigliabile consultare un consulente finanziario o un esperto del settore per ottenere consigli professionali e valutare le alternative disponibili.

Leggi anche →

Prestito privato urgente WhatsApp: la truffa nascosta

È fondamentale fare molta attenzione quando si ricevono offerte di un prestito privato urgente su WhatsApp, in quanto la possibilità di essere vittima di una truffa è molto alta.

Queste truffe sfruttano la necessità urgente di denaro del mal capitato. Per distinguere un prestito legale da una truffa, è importante seguire questi consigli:

  • Diffidare di un numero di telefono che non conoscete.
  • Controllare se la società o il soggetto che offre il prestito è autorizzato dalla Banca d’Italia a svolgere attività finanziarie. È possibile fare questa verifica consultando l’elenco delle società e degli intermediari finanziari autorizzati (OAM).
  • Fare molta attenzione alle promesse di ingenti somme di denaro in poco tempo e senza molte garanzie richieste. Questo è uno dei segnali più comuni delle truffe legate ai prestiti via WhatsApp.
  • Non fornire mai i propri dati personali o finanziari a sconosciuti tramite WhatsApp, in quanto potrebbero essere utilizzati per scopi illeciti.
  • Se si è incerti sulla legittimità dell’offerta di prestito, è sempre consigliabile chiedere consiglio ad un esperto del settore finanziario o alla propria banca di fiducia.

È importante essere scettici riguardo alle offerte di prestito su WhatsApp e non farsi ingannare dalle promesse facili e allettanti. Il nostro bisogno urgente di un prestito non deve farci cadere in questi tranelli.

Precauzioni da adottare

Prima di accettare qualsiasi tipo di offerta, è sempre meglio informarsi a fondo sulla società o il privato che offre il prestito e verificare la loro affidabilità. In questo modo, si può evitare di cadere vittima di una truffa e proteggere la propria situazione finanziaria.

La prudenza è sempre un alleato prezioso quando si tratta di un prestito su WhatsApp o in qualsiasi altro contesto finanziario. È fondamentale sapere che le offerte di soldi su WhatsApp possono nascondere una truffa.

Prestare la massima attenzione ai dettagli è necessario per non farsi ingannare dalle promesse troppo allettanti o dai metodi di pagamento poco sicuri.

La prudenza è sempre un fattore chiave quando si tratta di prendere decisioni finanziarie, soprattutto quando si utilizzano piattaforme informatiche come WhatsApp. È importante essere consapevoli del fatto che ci sono rischi associati al prestito di denaro tramite questa app di messaggistica e quindi è necessario agire con cautela.

Si consiglia sempre di leggere attentamente le recensioni e i commenti di altri utenti prima di accettare un’offerta di prestito su WhatsApp. Questo può fornire informazioni preziose sulla serietà e l’affidabilità del finanziatore. Inoltre, è sempre meglio optare per un prestito da una fonte ufficiale e regolamentata anziché affidarsi a società o privati sconosciuti su WhatsApp.

Leggi anche →

Prestiti tra privati urgenti

Ora che abbiamo dato la giusta attenzione a sicurezza e affidabilità, vediamo quali requisiti sono necessari per richiedere un prestito su WhatsApp. Ricordiamo che sarebbe meglio desistere dalla ricerca di prestiti tra privati su WhatsApp manifestando la natura urgente del bisogno di denaro. Affidarsi ad una finanziaria legalmente riconosciuta da Banca d’Italia è sempre la scelta migliore.

Analizziamo, dunque, gli importi comuni e l’assistenza offerta dalle finanziarie per sfruttare i vantaggi di questo prodotto finanziario.

Requisiti

I requisiti per richiedere un prestito su WhatsApp sono fondamentalmente gli stessi requisiti di qualsiasi altro prestito, ed in particolare sono:

  • Essere in possesso di un documento di riconoscimento in corso di validità.
  • Essere titolari di un Conto Corrente bancario o postale.
  • Avere un contatto telefonico attivo, preferibilmente proprio il numero di cellulare in cui è installato WhatsApp.
  • Dimostrare di avere un reddito stabile, preferibilmente presentando una busta paga, un documento che attesti una rendita immobiliare o magari una pensione.

Raccolta tutta questa documentazione non dovrebbero esserci problemi nel richiedere il nostro finanziamento su WhatsApp.

Importo tipico

Vista la loro natura particolare, i prestiti su WhatsApp sono solitamente dei piccoli prestiti di importo variabile fra 500 euro e 1000 euro. Per importi superiori a 1000 euro le finanziarie richiedono un contatto più approfondito con il richiedente, con invio di documentazione in formato cartaceo.

Diffidate di soggetti che promettono di erogare prestiti di migliaia di euro su WhatsApp, non è una situazione solitamente credibile.

Assistenza

Nonostante i rischi associati ai prestiti su WhatsApp, esiste un lato positivo: l’assistenza su WhatsApp fornita da entità finanziarie regolamentate. Queste organizzazioni utilizzano la piattaforma di messaggistica per offrire un servizio al cliente efficiente e tempestivo.

In questo caso, WhatsApp aiuta i clienti a risolvere dubbi e problemi velocemente, senza lunghe attese al telefono.

È importante ricordare che, sebbene un’organizzazione finanziaria possa offrire assistenza tramite WhatsApp, le transazioni finanziarie devono avvenire solo attraverso i canali ufficiali e con adeguata sicurezza.

Vantaggi

I vantaggi che possiamo ottenere richiedendo un prestito su WhatsApp sono fondamentalmente due:

  1. Praticità: tutti abbiamo WhatsApp installato sul nostro smartphone e lo utilizziamo quotidianament, dunque non c’è bisogno di nessuna modifica dai nostri comportamenti usuali.
  2. Velocità: l’accesso e lo scambio di documenti via WhatsApp con il nostro interlocutore sarà garantito dall’applicazione stessa, che è di per sè facile e veloce.
Leggi anche →

Riassumendo

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate con un laptop sulle gambe che fa un riassunto di tutto quello che si è scritto finora

Diffidate dei moderni mezzi di comunicazione per transazioni finanziarie delicate.

Affidatevi sempre a Banche e Finanziarie iscritte all’OAM. Non cedete a offerte troppo allettanti, potrebbero rivelarsi ingannevoli.

Richiedere un prestito su WhatsApp può rivelarsi un’esperienza pratica e veloce, ma solitamente il finanziamento è di importo contenuto.

Conclusioni

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate che regge un laptop con scritto dietro allo schermo Conclusioni

In conclusione, WhatsApp è utile per comunicare e fare affari, ma bisogna stare attenti quando si cerca un prestito tramite questa app perché ci sono dei rischi. Prima di richiedere un prestito su WhatsApp o altre piattaforme online, è importante consultare esperti finanziari e agire con cautela.

La prudenza e la conoscenza sono le chiavi per evitare truffe e problemi finanziari futuri. Essere consapevoli dei rischi e agire con cautela è la chiave per una gestione finanziaria sana ed efficiente. Continua a utilizzare WhatsApp per comunicare, ma fai attenzione quando si tratta di questioni finanziarie. Non fidarti mai di offerte troppo allettanti o di richieste insistenti di dati personali o finanziari tramite questa app.

È importante notare che WhatsApp non è l’unica opzione disponibile per ottenere prestiti online. Ci sono molte altre piattaforme sicure e affidabili, disponibili su internet, che offrono prestiti in maniera chiara e trasparente.

Prima di decidere quale sia la migliore opzione per te, assicurati di fare una selezione approfondita. Non lasciare che la comodità o la familiarità con WhatsApp ti facciano cadere in una trappola finanziaria.

Proteggi sempre la tua privacy e i tuoi soldi. Chiedi aiuto a un esperto se hai dubbi.

Con l’avvento delle nuove tecnologie e della sempre maggiore digitalizzazione dei servizi finanziari, è importante essere consapevoli delle opportunità. Tuttavia vanno considerati i rischi che possono derivare dalla richiesta di prestiti attraverso piattaforme di messaggistica come WhatsApp.

Per una richiesta di prestito, è meglio rivolgersi alle società finanziarie tramite i canali ufficiali come la filiale, il sito web o l’email certificata.

Usate sempre servizi sicuri, proteggete i vostri dati personali e informatevi prima di prendere una qualsiasi decisione.

Il digitale non deve sostituire completamente le interazioni umane con professionisti del settore finanziario.

Richiedi un preventivo gratuito!

Domande frequenti

disegno di un ragazzo seduto con nuvolette di testo con dentro la parola FAQ
È sicuro ottenere un prestito tramite WhatsApp?

Mentre WhatsApp può essere un mezzo conveniente per la comunicazione, non è raccomandato per le transazioni finanziarie. Si dovrebbe sempre scegliere di ottenere prestiti da fonti regolamentate ufficiali.

Come verificare affidabilità di un finanziatore che offre un prestito su WhatsApp?

È importante leggere le recensioni e i commenti degli altri utenti prima di accettare qualsiasi offerta di prestito. Tuttavia, si dovrebbe sempre essere scettici sull’offerta di un prestito via WhatsApp.

Posso utilizzare WhatsApp per comunicare con la finanziaria?

Sì, molte organizzazioni finanziarie regolamentate utilizzano WhatsApp come strumento di comunicazione per un servizio clienti efficiente. Tuttavia, tutte le transazioni finanziarie dovrebbero avvenire attraverso i canali ufficiali dell’ente.

Come posso assicurarmi che le mie transazioni finanziarie siano sicure su WhatsApp?

È importante ricordare che non si dovrebbero mai fare transazioni finanziarie direttamente su WhatsApp. Per assicurarsi che le transazioni siano sicure, si dovrebbero sempre utilizzare i canali ufficiali forniti dalla vostra banca o istituzione finanziaria.

Cos’è il phishing su WhatsApp?

Il phishing su WhatsApp consiste in un tentativo di truffa che si effettua inviando al numero della vittima un messaggio richiedente dati personali, finanziari o codici, solitamente di un servizio online come email o internet banking, che viene dichiarato dal truffatore in corso di disattivazione.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca su una stella per votarlo!

Hai scelto di negare il consenso ai cookie

I Cookie non sono mostri che si nascondono sotto il letto! 👻 Non ti rubano niente! Anzi, sono piccoli aiutanti che migliorano la tua navigazione. Accettando i cookie potrai aiutarci a mantenere liberi e imparziali i contenuti offerti sul nostro sito. La pubblicità mirata è un modo per fornirti informazioni di qualità. Nessun dato personale come le generalità anagrafiche è contenuto nei cookie.

–– OPPURE ––