5 per mille: destinazione alle Cause che ti stanno a Cuore

Scopri come destinare il tuo 5 per mille e fare la differenza. Ecco una guida su cos’è, come funziona e chi puoi sostenere con questa scelta.

a cura di Pubblicato il 24 Giu 2024Aggiornato il 24 Giu 2024 di lettura

Il cinque per mille è un’opportunità preziosa per sostenere le cause che ti stanno a cuore attraverso la tua dichiarazione dei redditi. Destinare il 5 per mille non comporta alcun costo aggiuntivo per te, ma può fare una grande differenza per moltissime organizzazioni e progetti sociali. Con una semplice scelta, hai il potere di contribuire in modo significativo a iniziative che migliorano la nostra società, dalla ricerca scientifica alla protezione dell’ambiente, dal sostegno ai malati a programmi educativi per i giovani. Continua a leggere per scoprire come un piccolo gesto può diventare un’importante azione di solidarietà e impegno civile.

Resta sempre aggiornato e ricevi in anteprima Guide e Report!

Un ricercatore in laboratorio impegnato in un esperimento finanziato dal 5 per mille.
Il 5 per mille finanzia progetti importanti come la ricerca medica e l’assistenza ai più bisognosi. Fai la tua parte!

Cos’è il 5 per mille e come funziona?

Definizione chiara e concisa del 5 per mille

Il 5 per mille è una quota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) che lo Stato italiano consente di destinare a enti che svolgono attività di interesse sociale, come organizzazioni non profit, enti di ricerca scientifica e universitaria, e associazioni sportive dilettantistiche.

Questa scelta non comporta alcun costo aggiuntivo per il contribuente, ma rappresenta un modo per sostenere concretamente cause importanti attraverso la propria dichiarazione dei redditi. Destinare il 5×1000 è semplice e permette di sostenere progetti di interesse sociale come la ricerca medica e la tutela dei beni culturali.

Spiegazione del meccanismo

Il meccanismo del 5 per mille è molto semplice: non si tratta di una tassa aggiuntiva, ma della possibilità di destinare una parte delle imposte che già si devono allo Stato a favore di determinate categorie di enti. In pratica, il cittadino sceglie di devolvere il 5 per mille della propria IRPEF a una delle organizzazioni autorizzate compilando l’apposita sezione nella dichiarazione dei redditi. Destinare il 5 per mille non solo non comporta costi aggiuntivi, ma offre anche il beneficio di sostenere cause importanti per la comunità.

Indicazioni su come indicare la propria scelta nella dichiarazione dei redditi

Per destinare il 5 per mille è sufficiente compilare il modulo 730 o Certificazione Unica (CU) della propria dichiarazione dei redditi. Ecco come fare:

  1. Modello 730: Trova la sezione dedicata al 5 per mille nel modello 730. Qui, seleziona l’ambito di interesse (ad esempio, il volontariato o la ricerca scientifica) e inserisci il codice fiscale dell’ente o organizzazione a cui desideri destinare il tuo contributo.
  2. Certificazione Unica (CU): Anche nel caso della Certificazione Unica, è prevista una sezione apposita per la scelta del 5 per mille. Anche in questo caso, indica l’area di interesse e il codice fiscale del destinatario prescelto.

Effettuare questa scelta è un gesto semplice, ma di grande valore, che può contribuire in modo significativo al sostegno delle attività sociali e di pubblica utilità.

Leggi anche →

Chi può beneficiare del tuo 5 per mille?

Il 5 per mille è un’opportunità straordinaria per sostenere una vasta gamma di enti e organizzazioni che svolgono attività cruciali per la nostra società. Ecco un elenco delle diverse categorie di enti beneficiari:

Ricerca scientifica e sanitaria

La ricerca scientifica e sanitaria è uno dei principali destinatari del 5 per mille. Le donazioni in questo ambito hanno permesso di fare passi avanti significativi nella cura di malattie, nella sperimentazione di nuove terapie e nel miglioramento delle tecnologie mediche. Immagina il contributo che puoi dare per sconfiggere gravi patologie come il cancro e salvare vite umane, semplicemente destinando una parte delle tue imposte. Tra le organizzazioni che puoi sostenere c’è la Fondazione AIRC, che si dedica alla ricerca sul cancro.

Associazioni di volontariato

Le associazioni di volontariato sono il cuore pulsante del sostegno sociale. Queste organizzazioni lavorano quotidianamente per assistere le persone più vulnerabili, offrendo sostegno alimentare, abiti, assistenza medica, e servizi di accompagnamento. Con il 5 per mille, contribuisci a fare la differenza nella vita di tante persone bisognose.

Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS)

Le ONLUS operano in numerosi settori, dall’assistenza ai disabili alla protezione dell’ambiente, passando per l’educazione e la promozione dei diritti umani. Le ONLUS e altri enti del terzo settore iscritti al RUNTS possono beneficiare del 5 per mille per sostenere le loro attività. Ogni euro destinato a queste organizzazioni rappresenta un investimento nel miglioramento della società e del nostro futuro comune.

Enti religiosi

Gli enti religiosi svolgono un ruolo fondamentale nel supporto spirituale e materiale delle comunità. Offrono servizi educativi, assistenza sanitaria, supporto psicologico e molto altro. Destinare il 5 per mille a questi enti significa non solo sostenere la propria fede, ma anche promuovere il benessere collettivo.

Esempi concreti di progetti e iniziative finanziati grazie al 5 per mille

Grazie al contributo del 5 per mille, sono stati finanziati progetti come la costruzione di centri di riabilitazione per bambini affetti da disabilità, la realizzazione di campagne di prevenzione sanitaria nelle scuole, e la promozione di interventi di emergenza in caso di calamità naturali. Inoltre, sono stati avviati programmi di formazione per giovani disoccupati, contribuendo alla loro integrazione nel mondo del lavoro.

Il tuo 5 per mille non è solo una firma su un modulo, ma un gesto di grande potenza in grado di ispirare cambiamenti positivi e migliorare la qualità della vita di molte persone. Partecipa anche tu a questa straordinaria iniziativa e lasciati ispirare dal potere del tuo contributo!

Potrebbe interessarti →

Cosa succede se non esprimi una preferenza?

Quando il contribuente non esprime una preferenza per la destinazione del 5 per mille, questi fondi non rimangono inutilizzati. Lo Stato infatti li redistribuisce proporzionalmente tra tutte le organizzazioni che hanno ottenuto almeno una preferenza dai contribuenti. Questo meccanismo può sembrare un modo equo per gestire i fondi, ma esso sottolinea l’importanza di fare una scelta consapevole.

Il 5 per mille non destinato rappresenta una risorsa significativa che potrebbe essere indirizzata verso cause specifiche che riflettono i valori e le priorità del singolo contribuente. Esprimere una preferenza è un’opportunità per ogni cittadino di influenzare direttamente il futuro della propria comunità, sostenendo progetti e iniziative che ritiene importanti. Lasciare che lo Stato decida per te significa rinunciare a questo potere.

Pertanto, la scelta consapevole di destinare il 5 per mille a una causa particolare non è solo un atto di responsabilità, ma anche un modo per contribuire attivamente al benessere della società. Ogni firma conta, e ogni euro può fare la differenza. Riflettici bene, perché la tua scelta può realmente trasformare le vite e fare la differenza.

Leggi anche →

5 per mille vs 8 per mille: quali differenze?

Il sistema fiscale italiano offre ai contribuenti due possibilità di destinazione di una parte delle proprie imposte: il 5 per mille e l’8 per mille. Entrambe le opzioni permettono ai cittadini di sostenere specifiche cause o organizzazioni senza alcun costo aggiuntivo. Approfondiamo le principali differenze tra questi due strumenti.

Caratteristiche5 per mille8 per mille
BeneficiariOrganizzazioni no-profit, ricerca scientifica, sanitaria e altri soggetti del terzo settoreStato, Chiese ed altre istituzioni religiose riconosciute
ObiettiviSostenere attività sociali, culturali, scientificheSostenere attività caritative, umanitarie, e religiose
Modalità di DestinazioneSezione dedicata nel modello di dichiarazione dei redditiSezione dedicata nel modello di dichiarazione dei redditi
Ripartizione Fondi non EspressiRedistribuiti proporzionalmente tra tutte le organizzazioni che hanno ottenuto almeno una preferenza dagli altri contribuentiRedistribuiti proporzionalmente tra tutti i beneficiari in funzione delle scelte espresse dagli altri contribuenti
Costi per il ContribuenteNessunoNessuno
Impatto FiscaleNon cambia l’importo delle imposte dovuteNon cambia l’importo delle imposte dovute

Entrambi i meccanismi rappresentano un modo semplice ed efficace per contribuire al progresso sociale e culturale del Paese. È tuttavia importante sottolineare che 5 per mille e 8 per mille non sono mutuamente esclusivi: il contribuente può scegliere di destinare entrambe le quote, raddoppiando così il suo impatto senza alcun costo aggiuntivo. Comprendere le specificità di ciascuno permette di fare una scelta informata e consapevole, in linea con i propri valori e priorità.

Scopri di più →

Come scegliere a chi destinare il tuo 5 per mille

Destinare il tuo 5 per mille può sembrare una decisione complicata, ma con qualche consiglio pratico diventa un momento di riflessione sui valori che desideri sostenere. Prima di tutto, è fondamentale identificare le cause che ti stanno più a cuore: che si tratti di salute, ambiente, istruzione, o innovazione sociale, ogni donazione può fare una grande differenza.

Un punto di partenza utile è informarsi sulle attività e missioni degli enti beneficiari. Visitare i loro siti web, leggere le relazioni annuali, e seguire il loro operato sui social network ti aiuterà a comprendere meglio come vengono utilizzati i fondi e quali progetti stanno supportando.

Inoltre, strumenti online possono semplificare la ricerca del codice fiscale dell’ente che desideri sostenere. Molti portali offrono database aggiornati dove puoi inserire il nome dell’organizzazione e ottenere le informazioni necessarie per completare la donazione in modo corretto.

Scegliere a chi destinare il tuo 5 per mille è un atto di generosità che riflette l’impegno verso il miglioramento della nostra società. Con una scelta consapevole e ben informata, puoi avere un impatto ancora più significativo.

Scopri di più →

Riassumendo

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate con un laptop sulle gambe che fa un riassunto di tutto quello che si è scritto finora

Il 5 per mille è un’opportunità per sostenere cause importanti senza costi aggiuntivi.

Scegliendo a chi destinarlo, puoi fare la differenza nella ricerca, nel sociale, nell’ambiente e nella cultura.

Informati e scegli con il cuore!

Conclusioni

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate che regge un laptop con scritto dietro allo schermo Conclusioni

In questo articolo, abbiamo esplorato l’importanza di destinare il 5 per mille a cause significative, fornendo suggerimenti su come scegliere l’organizzazione a cui donare e sottolineando l’impatto che ogni contributo può avere. Scegliere con consapevolezza a chi destinare il tuo 5 per mille è un gesto di solidarietà, che riflette i tuoi valori e il tuo impegno per un futuro migliore.

Ti invitiamo a destinare il tuo 5 per mille a un’organizzazione che sia in linea con le tue priorità e sogni per la società. Con un semplice gesto, puoi sostenere ricerche scientifiche, iniziative sociali, progetti ambientali e culturali, contribuendo così al benessere collettivo.

Non solo: condividi questo articolo con amici e familiari, affinché anche loro possano fare una scelta informata e solidale. Ogni donazione fa la differenza, e l’unione di tanti piccoli atti di generosità può creare un impatto significativo. La solidarietà è la chiave per costruire un futuro migliore e più giusto per tutti.

Resta sempre aggiornato e ricevi in anteprima Guide e Report!

Domande frequenti

disegno di un ragazzo seduto con nuvolette di testo con dentro la parola FAQ
Cos’è il 5 per mille?

Il 5 per mille è una quota dell’IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche) che puoi destinare a enti no profit,associazioni, organizzazioni di volontariato, enti di ricerca scientifica e sanitaria, e ad altri enti che svolgono attività socialmente rilevanti.

Come si destina il 5 per mille?

Basta firmare nell’apposito riquadro della dichiarazione dei redditi (modello 730, CU, Modello Redditi Persone Fisiche (ex UNICO)) e inserire il codice fiscale dell’ente che vuoi sostenere.

È una tassa in più?

No, non è una tassa aggiuntiva. 

Posso destinare sia il 5 per mille che l’8 per mille?

Sì, puoi destinarli entrambi senza costi aggiuntivi.

Dove trovo il codice fiscale dell’ente a cui voglio destinare il mio 5 per mille?

Puoi trovare il codice fiscale direttamente sul sito dell’ente oppure utilizzando gli elenchi pubblicati sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Cosa succede se non firmo per il 5 per mille?

Se non esprimi una preferenza, quella quota sarà destinata secondo criteri proporzionali in base alle scelte effettuate dagli altri contribuenti.

Quando scade il termine per destinare il 5 per mille?

Il termine coincide con quello per la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca su una stella per votarlo!

Hai scelto di negare il consenso ai cookie

I Cookie non sono mostri che si nascondono sotto il letto! 👻 Non ti rubano niente! Anzi, sono piccoli aiutanti che migliorano la tua navigazione. Accettando i cookie potrai aiutarci a mantenere liberi e imparziali i contenuti offerti sul nostro sito. La pubblicità mirata è un modo per fornirti informazioni di qualità. Nessun dato personale come le generalità anagrafiche è contenuto nei cookie.

–– OPPURE ––