Carta di credito revolving: cos’è e come funziona

Ottieni maggiore flessibilità finanziaria con la carta di credito revolving: come funziona e cosa prendere in considerazione nella scelta.

a cura di Pubblicato il 13 Feb 2024Aggiornato il 27 Apr 2024 di lettura

La flessibilità finanziaria è una qualità sempre più desiderata dai consumatori moderni, specialmente quando si tratta di gestire il proprio budget mensile con saggezza. Tra le varie soluzioni di credito, la carta di credito revolving si distingue per la sua capacità di offrire un credito continuo mese su mese. Tuttavia i rischi di un sovraindebitamento sono dietro l’angolo e bisogna prestare la massima attenzione. Vedremo come funziona una carta di credito revolving, la sua linea di credito e quali sono i tassi di interesse ad essa associati. Dunque non indugiamo oltre e scopriamo insieme vantaggi e svantaggi delle carte di credito revolving!

Richiedi un preventivo gratuito!

fumetto di una carta di credito con un portafoglio e dei soldi che fuoriescono su uno sfondo verde
Le carte di credito revolving stanno diventando sempre più diffuse come forma alternativa di credito al consumo.

Cos’è una carta di credito revolving?

Una carta di credito revolving è uno strumento di pagamento che si differenzia dalle carte di credito tradizionali per la sua elasticità nel rimborso.

Invece di saldare l’intero debito maturato entro la fine del mese senza interessi, la carta revolving consente di trasferire una parte o tutto il saldo da un mese all’altro, generando interessi passivi sul saldo residuo.

Questo tipo di carta offre, quindi, un limite di credito, detto plafond, entro cui il consumatore può effettuare prelievi o acquisti con la possibilità di rientrare del debito maturato con una tempistica a propria discrezione.

Leggi anche →

Come funziona una carta di credito revolving?

Una volta che è stata accolta la nostra richiesta per una carta di credito revolving, avrai a disposizione un limite di credito detto anche linea di credito, stabilito dalla banca emittente che indica la somma massima che puoi spendere.

Ogni acquisto che effettui riduce il credito disponibile, che può poi essere reintegrato tramite i tuoi pagamenti mensili.

I pagamenti possono avvenire in due modi: puoi scegliere di saldare l’intero importo accumulato durante il mese senza vedere addebitati gli interessi, oppure puoi optare per il pagamento di una quota minima, rinviando il rimborso del saldo e pagando gli interessi sul credito rateizzato.

Al momento del pagamento del saldo, il credito si "rigenera", facendoti tornare al limite originale di spesa dato dalla tua carta, da cui potrai nuovamente prelevare o spendere.

Esempio: immaginiamo di avere una carta revolving con un plafond di 1000 euro e di effettuare una spesa di 500 euro. Possiamo scegliere di rimborsare la somma in 12 rate mensili da 45 euro, comprensive di interessi.

Scopri di più →

Linea di credito revolving: cos’è

La linea di credito revolving è una formula di prestito flessibile che consente al titolare del credito di utilizzare una certa somma di denaro accordata fino a un certo limite.

Il consumatore può attingere a questa linea di credito in qualsiasi momento e il credito disponibile si rigenera con il rimborso delle somme utilizzate.

Questo tipo di credito è particolarmente utile per gestire le spese correnti o fronteggiare imprevisti finanziari, offrendo una soluzione dinamica ed elastica per le necessità di liquidità a breve termine.

Leggi anche →

Vantaggi di una linea di credito revolving

  1. Flessibilità: il titolare della carta può utilizzare la linea di credito in base alle proprie esigenze e in qualsiasi momento, senza dover richiedere un nuovo prestito ogni volta.
  2. Rateizzazione delle spese: con la possibilità di scegliere tra il pagamento del saldo o di una quota minima, la linea di credito revolving può essere un valido strumento per gestire i pagamenti mensili in modo più agevole.
  3. Disponibilità del credito: avendo sempre a disposizione un importo massimo da spendere, la linea di credito revolving può essere utile per affrontare imprevisti o spese extra senza dover ricorrere a prestiti o finanziamenti aggiuntivi.
  4. Rimborso flessibile: il saldo utilizzato della linea di credito può essere rimborsato in diverse modalità, ad esempio con pagamenti mensili, rate fisse o variabili.
  5. Costi contenuti: gli interessi applicati a una linea di credito revolving sono generalmente più alti rispetto a quelli dei prestiti tradizionali, ma essendo un prestito a brevissimo termine, non incidono in maniera eccessiva sul debito iniziale, a meno che di un uso improprio dello stesso strumento finanziario.
Leggi anche →

Come ottenere una carta revolving?

Per ottenere una carta di credito revolving occorre innanzitutto soddisfare i requisiti stabiliti dall’istituto bancario o finanziario che la offre.

Generalmente, è necessario essere maggiorenni, avere un reddito dimostrabile e una buona storia creditizia, detto anche credit score.

È consigliato iniziare presentando la domanda di richiesta alla banca, fornendo tutti i documenti necessari che possano attestare la propria affidabilità finanziaria.

Dopodiché, la banca valuterà il profilo del richiedente, il suo punteggio creditizio e deciderà se concedere la carta di credito e con quale limite di credito.

In caso di approvazione, sarà definito il tasso d’interesse applicabile e verranno comunicate tutte le condizioni del servizio di credito revolving.

Dopo aver firmato il contratto, la carta di credito verrà emessa e inviata al domicilio del richiedente.

Potrebbe interessarti →

Quali sono i costi di una carta revolving

I costi di una carta revolving possono variare a seconda dell’istituto di credito e dei servizi aggiuntivi associati alla carta. Solitamente essi includono:

  1. Tasso d’interesse: è il costo principale di una carta revolving e viene applicato sul saldo in sospeso. Può essere fisso o variabile e incide significativamente sul costo totale del credito.
  2. Tariffe annuali: alcune carte prevedono un costo annuale per il mantenimento del conto associato alla carta stessa.
  3. Costi di prelievo: spesso, vengono applicati costi aggiuntivi per prelievi di contanti tramite ATM.
  4. Commissioni per operazioni all’estero: le transazioni in valuta diversa dall’euro possono essere soggette a commissioni aggiuntive.

È importante leggere attentamente il contratto e informarsi sui possibili costi nascosti prima di aderire a un servizio di credito revolving per gestire al meglio le proprie finanze.

Potrebbe interessarti →

Il calcolo degli interessi delle carte revolving

Gli interessi sulle carte revolving vengono calcolati in base al tasso percentuale annuo indicato nel contratto. Questo tasso viene applicato all’importo del saldo residuo che non viene saldato al termine del mese.

Il metodo di calcolo può variare a seconda delle condizioni contrattuali e della legislazione vigente, ma generalmente il tasso di interesse è composto e viene calcolato su base mensile.

È fondamentale che i titolari di carte revolving leggano attentamente il contratto e siano pienamente consapevoli del tasso di interesse applicato e di come questo influirà sul costo totale del credito.

Alcune carte potrebbero offrire periodi di grazia senza interessi su nuovi acquisti a condizione che il saldo venga rimborsato interamente ogni mese.

Conoscere i dettagli del proprio accordo di credito e mantenere buone abitudini finanziarie può aiutare a evitare oneri finanziari non necessari e a gestire il credito in modo più efficace.

Scopri di più →

Come estinguere una carta revolving

Per estinguere una carta revolving, il titolare deve saldare l’intero importo del debito accumulato. È possibile procedere con un pagamento unico o con un piano di ammortamento che preveda rate mensili, comprensive degli interessi, fino al saldo totale del debito.

È importante contattare l’istituto di credito emittente la carta di credito per concordare le modalità di estinzione più adatte e per assicurarsi che non vi siano costi aggiuntivi o penali.

Una volta completato il pagamento del debito, la carta può essere disattivata e il conto chiuso definitivamente.

Vantaggi e svantaggi delle carte di credito revolving

Tra i vantaggi principali di una carta revolving c’è sicuramente la grande flessibilità di pagamento. Non sei costretto a pagare l’intero debito immediatamente, lasciandoti spazio per adattare i pagamenti alle tue esigenze finanziarie.

Ovviamente, ciò comporta anche alcuni svantaggi, soprattutto se non si gestisce correttamente questa facilità. Il primo svantaggio è rappresentato dagli interessi, che possono aumentare notevolmente il costo finale del tuo debito se non si sceglie di rimborsare l’intero importo in un periodo di tempo ragionevole.

Inoltre, le carte revolving spesso hanno tassi di interesse più alti rispetto ad altre forme di credito come i prestiti personali o i finanziamenti. È quindi importante fare una corretta valutazione delle proprie capacità di rimborso prima di utilizzare questo tipo di carta di credito.

Utilizzi comuni delle carte di credito revolving

Le carte revolving sono spesso utilizzate per acquisti di piccola entità, come ad esempio il pagamento di generi alimentari o piccole spese quotidiane. Inoltre, sono molto utilizzate per acquisti online o per prenotare viaggi e soggiorni.

Alcune persone le utilizzano anche come "sicurezza" in caso di emergenze finanziarie, sapendo che possono sempre contare su una linea di credito disponibile.

Tuttavia, è importante non abusare della flessibilità offerta dalle carte revolving e utilizzarle con consapevolezza per evitare di accumulare debiti e interessi elevati.

In generale, è sempre consigliabile avere un piano di rimborso e limitarsi a utilizzare la carta per acquisti che si è in grado di rimborsare nei tempi previsti.

In questo modo, si può godere dei vantaggi della flessibilità di pagamento senza cadere nelle trappole degli interessi elevati.

Responsabilità nell’utilizzo delle carte revolving

Come con qualsiasi forma di credito, è importante utilizzare le carte revolving con responsabilità e consapevolezza. Ciò significa tenere traccia delle spese effettuate con la carta e pianificare i pagamenti in modo da evitare la maturazione di interessi elevati.

Inoltre, è fondamentale rispettare i termini e le condizioni del contratto di utilizzo della carta, che spesso includono il pagamento delle rate mensili entro una data specifica. Il mancato rispetto di tali termini può comportare l’applicazione di penali o interessi moratori.

Infine, è importante ricordare che ogni titolare di carta di credito ha la responsabilità di proteggere la propria carta e il proprio codice PIN da possibili frodi o utilizzi non autorizzati.

In caso di smarrimento, furto o utilizzo non autorizzato della carta, è fondamentale contattare immediatamente l’emittente per bloccare la carta di credito e prevenire eventuali usi fraudolenti.

Perché non dovremmo servirci delle carte di credito revolving?

Le carte di credito revolving, sebbene offrano comodità e flessibilità, possono comportare dei rischi significativi se non gestite in maniera corretta.

Il loro utilizzo improprio può portare ad un sovraindebitamento dovuto alla possibilità di differire il saldo della carta di credito pagandolo in rate mensili, che a lungo termine risultano in un accumulo di interessi e un debito sempre più oneroso.

È quindi essenziale valutare attentamente la capacità di far fronte regolarmente ai pagamenti prima di decidere di accedere a questo tipo di prodotto finanziario.

Chi offre le carte revolving?

Le carte revolving sono offerte da una varietà di istituti finanziari, inclusi banche tradizionali, società di credito al consumo e talvolta anche da emittenti di carte specializzate.

I requisiti per accedere a queste carte possono variare significativamente tra le diverse istituzioni, con alcuni che richiedono un buon credit score e altri che sono più flessibili, ma applicano tassi di interesse più alti.

È essenziale confrontare le diverse offerte disponibili sul mercato, valutando attentamente termini, condizioni e costi associati prima di sottoscrivere un accordo per una carta revolving.

Cosa succede se non paghi la carta revolving?

Non adempiere ai propri obblighi di pagamento per la carta revolving può avere conseguenze significative.

In caso di mancato pagamento, l’istituto di credito può segnalare il ritardo ai sistemi di informazioni creditizie, come il CRIF, che gestisce la Centrale Rischi Finanziari.

Questo comporterebbe una nota negativa sulla nostra storia creditizia, che potrebbe risultare in una limitazione nell’accedere a futuri finanziamenti o prestiti.

Più grave ancora, se il debito rimane insoluto, la banca può avviare le procedure esecutive per il recupero crediti, che possono includere il pignoramento di beni e redditi.

Pertanto, è essenziale mantenere una comunicazione aperta con l’istituto di credito e cercare soluzioni proattive o piani di rientro in caso di difficoltà finanziarie.

Inoltre, è importante tenere sempre sotto controllo le spese e gestire in modo responsabile il credito disponibile per evitare di trovarsi in situazioni di indebitamento eccessivo.

La carta revolving può essere un comodo strumento finanziario, ma deve essere utilizzata con cautela e consapevolezza dei rischi e delle responsabilità ad essa associate.

Quindi, prima di richiedere una carta revolving o qualsiasi altra forma di credito, è importante valutare attentamente le proprie capacità finanziarie e assicurarsi di poter gestire correttamente il debito.

In questo modo, si può godere dei vantaggi della carta revolving senza dover affrontare conseguenze negative a lungo termine.

Ricorda sempre di leggere attentamente i termini e le condizioni del contratto prima di accettarlo e non esitare a chiedere chiarimenti all’istituto di credito per qualsiasi dubbio o domanda.

Con una gestione oculata del debito e una comunicazione trasparente con l’istituto finanziario, è possibile evitare i rischi associati alla carta di credito revolving e sfruttarne al meglio i benefici che offre.

Conclusioni

disegno di un ragazzo seduto a gambe incrociate che regge un laptop con scritto dietro allo schermo Conclusioni

In sintesi, le carte di credito revolving offrono flessibilità e comodità nei pagamenti, ma è fondamentale utilizzarle con responsabilità. Ciò implica avere un piano di rimborso e limitare gli acquisti alle proprie possibilità finanziarie per evitare di accumulare debiti e pagare interessi elevati.

Inoltre, è importante rispettare i termini e le condizioni del contratto di utilizzo della carta e proteggere la propria carta da possibili utilizzi fraudolenti.

Con un uso responsabile, le carte revolving possono essere uno strumento utile per gestire le spese quotidiane e occasionali.

Tuttavia, è sempre consigliabile valutare attentamente le proprie esigenze finanziarie prima di richiedere una carta di credito revolving e monitorare costantemente i propri pagamenti per evitare di trovarsi in situazioni di difficoltà economica.

Quindi, è importante essere informati e consapevoli delle proprie abitudini di spesa e impegnarsi a utilizzare la carta in modo responsabile per massimizzare i suoi benefici.

Con una gestione oculata, le carte revolving possono essere uno strumento efficace per semplificare la vita finanziaria quotidiana e raggiungere i propri obiettivi di spesa.

È sempre possibile contattare l’emittente della carta per qualsiasi dubbio o problema riguardante il suo utilizzo, poiché hanno il dovere di fornire assistenza e informazioni ai titolari di carte.

Infine, è importante ricordare che le carte di credito revolving non sono uno strumento per finanziare acquisti a lungo termine e devono essere utilizzate con attenzione per evitare di cadere in un circolo vizioso di debiti.

Mantenendo un utilizzo coscienzioso, la carta revolving può essere un alleato prezioso nell’organizzazione delle proprie finanze personali.

Prima di richiedere una carta revolving, è sempre consigliabile informarsi adeguatamente e valutare attentamente le proprie capacità finanziarie per utilizzarla in modo efficace e responsabile.

Continuate a monitorare i vostri pagamenti e mantenere un bilancio equilibrato tra entrate e uscite, in modo da poter godere fino in fondo dei vantaggi di questa forma di pagamento.

Ricordate sempre che una buona gestione del budget è la chiave per una vita finanziaria sana e stabile.

Le carte di credito revolving possono offrire anche ulteriori vantaggi come programmi di cashback e promozioni speciali.

Molte carte offrono punti fedeltà che possono essere utilizzati per ottenere sconti su acquisti futuri o premi esclusivi.

Inoltre, alcune carte offrono anche assicurazioni di viaggio e coperture per gli acquisti effettuati con la carta, fornendo una maggiore protezione finanziaria ai titolari.

È importante leggere attentamente i termini e le condizioni di tali programmi e promozioni per assicurarsi di capire come funzionano e quali sono i requisiti per ottenere i benefici offerti.

Le carte revolving offrono la possibilità di effettuare pagamenti flessibili, permettendo ai titolari di scegliere l’importo e il periodo di rimborso più adatto alle proprie esigenze finanziarie.

Questa opzione può essere particolarmente utile in caso di imprevisti o per superare periodi di difficoltà finanziaria, ma è importante utilizzarla con cautela per evitare di accumulare troppi debiti e pagare interessi elevati.

Una corretta gestione delle carte revolving include anche la regolare verifica dei movimenti e delle spese effettuate con la carta.

In questo modo si possono individuare eventuali errori o transazioni sospette e agire tempestivamente per prevenire frodi o utilizzi non autorizzati della carta.

Tenere traccia delle spese aiuta a mantenere un controllo sul proprio budget e ad evitare di spendere più di quanto ci si possa permettere.

In conclusione, le carte di credito revolving possono essere uno strumento finanziario utile e conveniente se utilizzate in modo responsabile e consapevole.

È importante comprendere i costi associati e leggere attentamente i termini e le condizioni dei servizi offerti, nonché gestire in modo oculato le spese effettuate con la carta.

Richiedi un preventivo gratuito!

Domande frequenti

disegno di un ragazzo seduto con nuvolette di testo con dentro la parola FAQ
Qual è la differenza tra una carta di credito tradizionale e una carta revolving?

La principale differenza tra una carta di credito tradizionale e una carta revolving è il modo in cui il debito viene rimborsato. Con una carta di credito tradizionale, l’intero saldo dovuto deve essere pagato alla fine del periodo di fatturazione, mentre con una carta di credito revolving, è possibile pagare una parte del debito e portare il rimanente saldo al mese successivo, pagando interessi sul saldo rateizzato.

Come faccio a sapere se una carta revolving fa al caso mio?

Per determinare se una carta revolving fa al caso tuo, considera il tuo stile di spesa e la tua capacità di gestire i debiti. Se sei in grado di pagare responsabilmente e gestire gli interessi sulla somma rateizzata, una carta revolving può offrirti una flessibilità nei pagamenti senza eguali. È importante leggere attentamente i termini e le condizioni e comprendere i tassi di interesse e i potenziali costi associati.

Quali sono i rischi associati all’uso di una carta revolving?

I rischi associati all’uso di una carta di credito revolving includono l’accumulo di un debito elevato a causa degli interessi sul saldo non pagato, possibili penalità per ritardi o mancati pagamenti, e l’impatto negativo sul tuo credit score se la gestione della carta non è prudente e i pagamenti vengono fatti in ritardo. È essenziale monitorare spese e pagamenti per evitare spirali negative.

Quanto è stato utile questo articolo?

Clicca su una stella per votarlo!

Hai scelto di negare il consenso ai cookie

I Cookie non sono mostri che si nascondono sotto il letto! 👻 Non ti rubano niente! Anzi, sono piccoli aiutanti che migliorano la tua navigazione. Accettando i cookie potrai aiutarci a mantenere liberi e imparziali i contenuti offerti sul nostro sito. La pubblicità mirata è un modo per fornirti informazioni di qualità. Nessun dato personale come le generalità anagrafiche è contenuto nei cookie.

–– OPPURE ––